Lunedì 13 Giugno 2016 - 17:45

Orlando, Obama: Killer guidato da estremisti? Nessuna prova

La sparatoria in club gay con 50 morti è il più grave attentato negli Stati Uniti dopo l'11 settembre

Strage Orlando, Il presidente degli Stati Uniti in conferenza stampa

Non sembra siano emerse prove evidenti per affermare che la strage di Orlando sia stata diretta da estremisti né che vi fosse un piano terrorista di ampia scala. Lo ha dichiarato il presidente Usa Barack Obama a seguito di una riunione con i membri della sicurezza nazionale alla Casa Bianca. Ancora una volta, dopo la strage che ha sconvolto una discoteca gay a Orlando, dove sono state uccise una cinquantina di persone, si riapre il dibattito sulle armi negli Stati uniti e sulla necessità di mettere un freno al loro uso.  A caldo Obama aveva dichiarato: "La sparatoria di Orlando ci dice quanto facile sia avere delle armi per fare delle stragi. Dobbiamo decidere se questo è il tipo di Paese che vogliamo".  

ESTREMISMO INTERNO. Secondo il presidente Obama il killer della strage di Orlando, Omar Mateen, sarebbe stato "ispirato da varie informazioni estremista diffuse su internet". Obama ha parlato al termine di un incontro alla Casa Bianca con i membri della sicurezza nazionale e dell'intelligence. Si è trattato, ha sottolineato Obama, di un atto di 'homegrown extremism', di estremismo interno, cresciuto entro i confini nazionali. Secondo le indagini il killer del night club avrebbe frequentato la stessa moschea di Moner Mohammad Abusalha, un attentatore suicida che si è fatto esplodere in Siria nel 2014. 

PEGGIOR ATTACCO TERRORISTICO DA 2001. La morte di 50 persone (49 più il killer) nella sparatoria in un club gay di Orlando, effettuata da un giovane con presunti legami islamisti, è il peggior attacco terroristico negli Stati Uniti dopo l'11 settembre per numero di vittime. Omar Mateen, il 29enne di famiglia afghana identificato come il killer, ha fatto una strage sparando all'impazzata nel locale, uccidendo 49 persone e ferendone altre 53. Lo Stato islamico ha rivendicato l'attacco attraverso l'emittente ufficiale del gruppo jihadista, radio Al-Bayan: "Uno dei soldati del Califfato in America - dice l'annuncio della radio - ha portato a termine un'invasione di sicurezza, riuscendo a entrare a un raduno di crociati in un nightclub per omosessuali a Orlando, in Florida" dove "ha ucciso e ferito oltre cento di loro, prima di essere ucciso". La polizia di Orlando ha confermato che Mateen ha telefonato al 911 giurando fedeltà allo Stato islamico. Secondo il New York Times alcune delle vittime potrebbero essere state uccise da 'fuoco amico'

 

CLINTON: NO CEDERE A TRAPPOLA LOBBY. "Dobbiamo difendere il nostro Paese dai lupi solitari senza cadere nella trappola della lobby delle armi". Così Hillary Clinton in un'intervista alla Cnn. "È una sfida complessa - ha dichiarato la candidata democratica - Ma che possiamo vincere".  Clinton, in diverse interviste televisive, si è detta a favore di misure più incisive per prevenire i cosiddetti attacchi di 'lupi solitari' e ha esortato a un monitoraggio maggiore su internet. Ma allo stesso tempo, ha ribadito il suo impegno a tutelare i diritti dei musulmani americani. "Non possiamo demonizzare e dichiarare guerra a un'intera religione. Questo è solo pericoloso", ha ribadito Clinton sull'emittente Msnbc, rispolverando la procedura per evitare che le persone presenti sulla no-fly list degli Stati Uniti acquistino armi.

TRUMP: ISLAMICI NON DENUNCIANO. "Molte persone che conoscevano" il presunto autore della strage di Orlando "sapevano che era un pazzo" e "che una cosa come questa sarebbe potuta succedere. Ma le persone che lo conoscevano, la ex moglie, e altri, non lo hanno denunciato. Per qualche ragione la comunità musulmana non denuncia persone come questa". Così il futuro candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump, in un'intervista telefonica alla Cnn. "Fidatevi, la comunità conosce le persone che hanno il potenziale di esplodere", ha aggiunto, sottolineando la necessità di controllare le moschee.

MATTARELLA: GESTO CHE COLPISCE TUTTI. "Ho appreso con dolore e sgomento del vile attacco perpetrato a Orlando. L'efferatezza di questo ennesimo gesto di violenza insensata - che ha causato numerose vittime innocenti - colpisce profondamente tutti noi". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama.  "L'Italia, insieme alla calorosa vicinanza a Lei, signor Presidente, alle famiglie delle vittime e ai feriti, esprime la sua solidarietà a tutta la nazione americana - prosegue il capo dello Stato -In questo momento di grande sofferenza, giungano a Lei, signor Presidente, le condoglianze mie personali e di tutti gli italiani".

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80