Venerdì 30 Giugno 2017 - 22:00

Spara in ospedale a New York e si uccide: una vittima, più feriti

E' successo al Bronx Lebanon Hospital. Ad aprire il fuoco un ex dipendente

Sparatoria in un ospedale a New York: diversi feriti

Una donna medico morta e 6 feriti è il bilancio della sparatoria al Bronx Lebanon Hospital di New York avvenuta ieri. L'uomo che ha aperto il fuoco, il 45enne dottor Henry Bello, era un ex dipendente dell'ospedale nel reparto di medicina di famiglia: si è introdotto nella struttura indossando il camice, sotto cui nascondeva il fucile, e ha iniziato a sparare tra il 16simo e il 17simo piano. Ha ferito alcuni ex colleghi, uccidendo la dottoressa, poi si è suicidato. Il gesto di violenza  di Bello avrebbe alla base questioni di lavoro. I feriti gravi nella sparatoria  sono 5. Il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha confermato in conferenza stampa che non si è trattato di un atto di terrorismo ma di un "incidente isolato".

 Il New York Times ha riferito che Bello si sarebbe dimesso a seguito di accuse per molestie sessuali. Ma il presidente del quartiere Bronx Ruben Diaz in una intervista a Wabc News ha detto che il medico responsabile della sparatoria era stato licenziato dall'ospedale che ha oltre 900 posti letto.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità