Mercoledì 19 Aprile 2017 - 08:15

La polizia: Sparatoria Fresno motivata da odio razziale, non è terrorismo

Tre le persone uccise per strada da Kori Ali Muhammad

Kori Ali Muhammad

L'uomo che ieri ha ucciso tre persone in strada a Fresno, negli Stati Uniti, ha agito per odio razziale contro i bianchi. Lo ha dichiarato il capo della polizia locale, Jerry Dyer. L'afroamericano Kori Ali Muhammad, di 39 anni, ha sparato alle tre vittime apparentemente scegliendole a caso. Tutto è successo in meno di due minuti, in cui l'uomo ha urlato anche Allahu Akbar (Dio è il più grande), fino a quando è stato bloccato dalla polizia. "Non crediamo si tratti di un atto terrorista. È avvenuto sulla base della razza", ha affermato Dyer parlando ai giornalisti. Le vittime sono una persona che si trovava su un camion, di 34 anni, e due passanti di 37 e 58 anni, tutti bianchi. L'assalitore è accusato di questi tre omicidi, ma anche di quello di una guardia di sicurezza, commesso in precedenza nella stessa città.

"E' un giorno molto triste per tutti noi", ha detto il sindaco della città, Lee Brand, commentando l'accaduto. "Prego per le vittime e per i loro famigliari, nessuno di noi può immaginare cosa stanno passando. Sono grato al dipartimento di polizia per l'intervento rapido e tempestivo che ha permesso di evitare ulteriore violenza gratuita".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo