Venerdì 06 Gennaio 2017 - 21:00

Sparatoria all’aeroporto di Fort Lauderdale in Florida: 5 morti

Alcune parti dell'aeroporto sono state evacuate: 8 i feriti. Spunta l'ipotesi di un secondo uomo armato

Sparatoria all’aeroporto di Fort Lauderdale in Florida: tre morti, catturato il sospettato

Almeno cinque persone sono morte e otto sono rimaste ferite nella sparatoria all'aeroporto internazionale Fort Lauderdale-Hollywood in Florida. Fermato il presunto assalitore che è stato identificato come Esteban Santiago. Lo hanno fatto sapere le forze dell'ordine, citate da Abc News. Il sospettato è in custodia alla polizia, mentre continuano le verifiche all'aeroporto sulla presenza di una seconda persona armata, a seguito di notizie di altri spari esplosi nei terminal 1 e 4 e in un parcheggio.

L'ASSALITORE.   Si chiamerebbe Esteban Santiago l'uomo che ha sparato, uccidendo diverse persone, all'aeroporto Fort Lauderdale-Hollywood e sarebbe un militare di 26 anni. Lo hanno riferito Ncb News e Msnbc. L'uomo è in custodia alla polizia. Un testimone sul posto ha raccontato a Msnbc di aver assistito all'attacco: ha visto l'assalitore, un "uomo snello" che "sparava direttamente contro di noi", cioé ai passeggeri che aspettavano di ritirare i bagagli dal nastro trasportatore. Ha aggiunto che il killer ha ricaricato una volta la sua arma. Un'altra donna ha descritto l'uomo come "tranquillo per tutto il tempo, non ha mai urlato". Il traffico aereo è stato temporaneamente sospeso. L'aeroporto internazionale è il secondo del Sud della Florida, mentre il primo è il Miami International Airport.

IPOTESI DI UN SECONDO UOMO. Secondo i media americani, ci sarebbe un altro uomo armato all'aeroporto. Altri spari sarebbero stati esplosi senza che causassero altre vittime, secondo Abc News.

TRUMP: STATE AL SICURO.  "Monitorando la terribile situazione in Florida. Ho appena parlato con il governatore Scott. Pensieri e preghiere per tutti. State al sicuro". Lo ha scritto su Twitter il presidente eletto degli Stati uniti, Donald Trump, facendo riferimento alla sparatoria  

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine

Dodici ragazzi segregati e legati in una casa in California

Arrestati i genitori. E' successo a Perris, a est di Los Angeles. Una si è liberata e ha chiamato la polizia. Una scena infernale

Anversa, crolla una palazzina: due morti tra le macerie. Escluso il terrorismo

L'esplosione potrebbe essere partita dalla pizzeria italiana al piano terra. Sono 14 i feriti, 5 gravi. Alcuni abitanti estratti vivi