Martedì 16 Febbraio 2016 - 11:30

Spalletti: Carlo Ancelotti è il mio maestro, è il migliore

Alla vigilia dell'ottavo di finale di Champions League con il Real Madrid ha indicato proprio l'ex allenatore dei blancos come punto di riferimento

Spalletti, tecnico della Roma

 "Carlo Ancelotti è il mio maestro. E' il miglior allenatore che abbiamo in Italia, e qui c'è la miglior scuola di tecnici: siamo in tutto il mondo". L'allenatore della Roma Luciano Spalletti in un'intervista rilasciata al quotidiano spagnolo 'As' alla vigilia dell'ottavo di finale di Champions League con il Real Madrid ha indicato proprio l'ex allenatore della 'Casablanca' come punto di riferimento. "Cosa ho imparato da lui? Tutto. Ogni volta che ceno con lui cerco di imparare tutto ciò che mi dice sul calcio, è una grande persona e un grande allenatore", ha proseguito l'allenatore di Certaldo, che ha parlato anche di Sacchi come colui che ha "rivoluzionato il calcio, ha dato molto a questo sport - ha sottolineato - Oggi ci sono allenatori che hanno arricchito la professione, come Giampaolo, Sousa, Sarri, Ventura, Montella, Maran, Di Francesco".

 

A chi gli chiede se sia vero che i tecnici spagnoli facciano fatica ad allenare in Serie A, Spalletti ha evidenziato che "quando un italiano va all'estero viene rispettato molto, si cerca di imparare dalla sua filosofia. Al contrario, quando uno straniero arriva in Italia, lo si obbliga a ragionare come gli italiani - ha spiegato - Non siamo pronti ad assorbire la loro mentalità, è colpa nostra". Proprio come la Roma anche il Real Madrid ha cambiato allenatore a stagione in corso, passando da Benitez a Zidane. "E' chiaro che un presidente deve tutelare la propria azienda, ma in Italia si cambiano allenatori troppe volte - ha ammesso - Zidane scelta giusta? Ha dato molto al calcio, lo ricordo bene alla Juventus. Era un giocatore fantastico e un leader, quando sei così, con questo carattere, diventare un allenatore è più facile. Ha il rispetto di tutti e questo aiuta nell'impatto con il nuovo ruolo". Il pericolo numero uno della Roma sarà Cristiano Ronaldo. "Lo conosco molto bene, con la Roma abbiamo giocato sei volte ai tempi del Manchester - ha concluso - Ha qualità, velocità e forza".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

AS Roma, conferenza stampa in vista del match di Champions League

Champions, Di Francesco senza paura: "L'ambizione della Roma è arrivare in finale"

Per uscire indenni da Anfield e tornare nella capitale con un risultato positivo servirà la miglior versione della Roma di coppa

Nyon, sorteggio delle semifinali di Champions League

 Roma, la Champions può valere fino a 100 milioni

Lo straordinario cammino della Roma in Champions League oltre ad un valore sportivo ne ha uno anche economico altrettanto importante

Roma Calcio

Champions, Bonetti: "Roma-Liverpool '84 è come un lutto, ora rivincita"

All'indomani della semifinale di Champions League tra Roma e Liverpool, parla il terzino della squadra allenata da Nils Liedholm nel 1984

Roma Calcio

Roma-Liverpool 1984: lacrime giallorosse dopo la grande illusione

Il 30 maggio 1984 è una data che resterà per sempre scolpita nella storia della Roma: i giallorossi si giocano all'Olimpico la finale di Coppa dei Campioni