Mercoledì 22 Marzo 2017 - 15:30

Spagna, studente italiano trovato morto con un coltello nel petto

Aveva 24 era di Fermo ed era iscritto al Politecnico di Torino. Le autorità di Valencia propendono per l'ipotesi del suicidio

Spagna, studente italiano trovato morto con un coltello nel petto: giallo sulla tragedia

E' giallo sulla morte di Giacomo Nicolai, 24 anni, studente universitario di Fermo, trovato morto in un appartamento a Valencia, dove si era trasferito per l'Erasmus. A ritrovare il cadavere del ragazzo sono stati due suoi coinquilini e, secondo la ricostruzione, Giacomo si trovava nel suo letto con un coltello piantato nel petto. Il Politecnico di Valenza sul proprio sito ha diffuso un comunicato di condoglianze ai familiari e amici. Il ragazzo era uno studente del Politecnico di Torino. 

Il ragazzo è stato ucciso o si è ucciso? Nelle ultime ore le autorità spagnole propendono per la seconda ipotesi. Repubblica.it cita la dichiarazione di un portavece della polizia di Valencia: "Fin da subito è sembrato trattarsi di un caso di morte violenta e l'autopsia ha effettivamente confermato quest'ipotesi: una morte violenta di natura suicida senza intervento di terze persone".  Secondo l'autopsia si sarebbe inflitto "tre colpi con un coltello, l'ultimo dei quali sarebbe stato quello letale". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Kabul, talebani rivendicano attacco all'hotel Intercontinental: almeno 6 morti

La polizia ha ucciso i quattro uomini armati del commando aveva preso d'assalto la struttura

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"