Lunedì 21 Marzo 2016 - 10:15

Spagna, nastro nero su pagina facebook Erasmus Torino

Cordoglio per le vittime dell'incidente anche da parte della Sapienza di Roma

Spagna, nastro nero su pagina facebook Erasmus Torino

Sulla pagina facebook dell'Erasmus Torino è stato pubblicato un nastro nero, segno di lutto per la tragedia avvenuta in Spagna, dove almeno 13 studenti Erasmus, tra cui 7 studentesse italiane, sono morti in un incidente avvenuto sull'autostrada Ap-7 all'altezza di Freginals, vicino Tarragona. Un'immagine simile è stata postata anche sulla pagina Erasmus Student Network Barcelona UPF, accompagnata dal messaggio "Ci sono cose che non ti immagini possano succedere all'improvviso (e che non vorremmo succedessero mai)".

Cordoglio anche da parte dell'Università Sapienza di Roma, che su Twitter scrive: "La Sapienza piange i ragazzi Erasmus vittime in Spagna, colpiti nell'esperienza di più grande apertura della vita". 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Vaccini obbligatori, la Consulta respinge i ricorsi del Veneto: "Decreto legittimo"

Sul giudizio della Consulta pesa il calo della copertura: "Giusto, quindi, passare dalla persuasione all'obbligo"