Lunedì 27 Giugno 2016 - 14:30

Spagna, Ciudadanos ci ripensa: Nessun sostegno a Rajoy

I liberali di Rivera in un primo momento avevano mostrato apertura

Spagna, marcia indientro di Ciudadanos: Nessun sostegno a governo guidato da Rajoy

Il partito liberale Ciudadanos, guidato da Albert Rivera, ha annunciato che non sosterrà un eventuale governo guidato da Mariano Rajoy. In un primo momento i liberali avevano lasciato intendere di voler aprire un dialogo con il Partito popolare (PP) di Rajoy per formare un governo. Per il primo ministro è fondamentale raggiungere una maggioranza solida per riuscire a governare, visto che il PP non ha ottenuto i 176 seggi necessari ad avere la maggioranza assoluta. I popolari hanno infatti vinto le elezioni con il 33% dei voti e 137 seggi. Secondo il Psoe con il 22,7% e 85 deputati, seguito dall'alleanza di Podemos con Izquierda Unida al 21,10% con 45 seggi e da Ciudadanos con il 13,03% e 32 deputati.

LEGGI ANCHE 'Spagna, Rajoy: Rivendico diritto a governare. Apertura di Ciudadanos'

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela Elezioni: Nicolas Maduro al voto

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"