Lunedì 26 Settembre 2016 - 08:45

Spagna, due arresti legati all'Isis: preparavano attacco in Europa

Uno dei due cercava di andare in Siria per essere addestrato

Spagna, arrestati due uomini legati a Isis: preparavano attacco in Europa

La polizia spagnola ha arrestato due uomini marocchini accusati di sostenere militanti islamici e di pianificare un attacco sul territorio europeo. Lo ha riferito il ministro dell'Interno, spiegando che uno degli accusati progettava di entrare nello Stato islamico in Siria e aveva viaggiato fino al confine del Paese con la Turchia, dove avrebbe dovuto incontrare un membro dell'organizzazione per essere addestrato, prima di fare ritorno in Europa per prendere parte all'attacco. L'uomo è stato arrestato dalla polizia turca prima di attraversare il confine ed è stato riportato in Spagna, dove dopo essere stato rilasciato ha continuato negli sforzi per unirsi allo Stato islamico. Il secondo uomo è invece accusato di avere aiutato il primo nei suoi tentativi di raggiungere la Siria. I due sono residenti uno a Murcia e l'altro a Valladolid.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Australia, il ciclone Debbie tocca terra: 38mila al buio

Australia, il ciclone Debbie tocca terra: 38mila al buio

Migliaia le persone evacuate in vista dell'arrivo della tormenta

Trump: Storia di legami con Russia è una bufala. E accusa i Clinton

Trump: Storia di legami con Russia è una bufala. E accusa i Clinton

"Perché la commissione intelligence non guarda all'accordo di Bill e Hillary" con Mosca?, si chiede il tycoon

Emmanuel Macron

Francia, sondaggio: Macron batte Le Pen al 2° turno con 62% voti

Al primo turno vincerebbe invece la leader del Front national con il 25%

U.S. President Donald Trump speaks during a bill signing event in the Roosevelt room of the White House in Washington

Al via piano di Trump per ribaltare politiche ambientali di Obama

Il presidente firmerà oggi un ordine esecutivo per azzerare le misure di contrasto ai cambiamenti climatici