Giovedì 15 Giugno 2017 - 21:15

Sospesa sentenza Tar: Direttori dei Musei tornano in carica

La decisione arriva dal Consiglio di Stato

Sospesa sentenza del Tar: Direttori dei Musei tornano in carica

 Con le ordinanze numero 2471 e 2472 di oggi, 15 giugno 2017, la Sesta Sezione del Consiglio di Stato ha fissato l'udienza pubblica al 26 ottobre 2017 per decidere con sentenza le questioni concernenti la legittimità delle nomine dei direttori dei musei del ministero per i beni culturali. E' quanto si legge in un comunicato di Palazzo Spada.

"La Sezione,  di conseguenza, considerata la mancanza di pregiudizio nei confronti dei ricorrenti vittoriosi in primo grado  - si legge nella nota - titolari di incarichi che durante il corso del processo continuano a svolgere, ha deciso, in via cautelare, che i direttori, le cui nomine erano state annullate dalle sentenze del Tar,  riprendano a svolgere le loro funzioni in attesa della sentenza, a  tutela della  loro posizione lavorativa e retributiva (venuta meno con effetto immediato a seguito dell'annullamento del Tar".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi