Sabato 06 Agosto 2016 - 13:00

Due alpinisti morti di freddo sul Cervino

Sopresi dalla tempesta non sono riusciuti a raggiungere il rifugio: dispersi da giovedì sera

Monte Cervino

Erano dispersi da giovedì sera sul Cervino e sono stati ritrovati senza vita stamane a una quota di tremila metri circa, uccisi probabilmente dal freddo. I due, inglesi, stavano scendendo lungo la via normale del Cervino quando, duecento metri sotto la capanna Carrer, un bivacco che avrebbe potuto salvare loro la vita, si sono ritrovati nel pieno di una tempesta. Era stato diramato un avviso di temporale, ma forse i due lo avevano sottovalutato. A quell'altitudine la temperatura va sotto lo zero, le precipitazioni sono nevose e i venti sono fortissimi.

Due operatori dello stesso soccorso alpino, che erano andati su a cercarli, erano dovuti tornare a valle a causa delle proibitive condizioni meteo. Stamane è andato in quota un elicottero e così è arrivata la macabra scoperta. I due avevano lasciato gli zaini appesi alla parete con le corde e si erano messi al riparo come potevano poco distante, in attesa evidentemente che passasse la tempesta. Ma non ce l'hanno fatta. I corpi sono stati portati in Valtournenche.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine