Lunedì 18 Settembre 2017 - 15:45

Sondaggio: Pd dietro al M5S ma in ripresa Centrodestra unito al 35%

Per Technè Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia uniti sarebbero i potenziali vincitori

Sondaggio Tecnè: il Pd sta dietro al M5S ma è in ripresa, il centrodestra al 35%

Il Partito democratico ancora dietro il Movimento 5 Stelle nelle intenzioni di voto per le politiche del 2018. Lo rileva il sondaggio Tecnè per Tgcom24. In testa ma in leggero calo, infatti, risulta il Movimento 5 stelle con il 26,4% dei potenziali consensi, a seguire il Pd con il 25,9% in leggero rialzo.
Al terzo posto Forza Italia con il 15,6%, con un punto percentuale in più rispetto al 6 settembre. Confermato il rafforzamento di una possibile coalizione di Centrodestra dalle intenzioni di voto di Lega Nord al 15,2% e Fratelli d'Italia al 5,0%.

Il 68,2% dà un voto negativo (inferiore al 6) alle politiche del Governo sull'immigrazione. Secondo i dati, il 27,1% dà un voto positivo, mentre il 4,7% non ha un'opinione. Per quanto riguarda invece lo Ius soli, il 56,2% è contrario, mentre il 34,8% è favorevole.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, al Colle non prima di sabato

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"