Mercoledì 29 Giugno 2016 - 08:15

Soddisfazione a metà: seggio Onu condiviso tra Italia e Olanda

Dopo votazioni senza esito il compromesso: un anno per ciascun Paese

Soddisfazione a metà: l'Italia condividerà seggio all'Onu con l'Olanda

Olanda e Italia condivideranno il seggio non permanente nel Consiglio di Sicurezza dell'Onu, dopo lo stallo legato alla votazione su chi delle due dovesse assumerlo. Dopo cinque votazioni entrambi i Paesi avevano ottenuto 95 preferenze, non sufficienti per il quorum di 128. La soluzione raggiunta è che il seggio sarà assunto per un anno da ciascun Paese. Inizierà l'Italia nel 2017. "Sarà un onore per l'Italia servire nel Consiglio di Sicurezza nel 2017 e cooperare con l'Olanda nel 2018", ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni all'Assemblea generale, mentre il suo omologo olandese ha sottolineato l'importanza di mostrare unità in un periodo tanto complesso per l'Europa. Il nostro Paese in particolare puntava al seggio per il ruolo rivestito nella gestione della questione migranti.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione