Venerdì 30 Settembre 2016 - 16:15

Sisma L'Aquila, Bertolaso assolto da accusa omicidio colposo

Il legale dell'ex capo della Protezione civile dichiara: "Adesso qualcuno dovrà chiedere scusa"

Sisma L'Aquila, Bertolaso assolto da accusa omicidio colposo

Guido Bertolaso è stato assolto dal Tribunale dell'Aquila dall'accusa di omicidio colposo e lesioni nel processo Grandi rischi bis perché il fatto non sussiste. Lo conferma a LaPresse l'avvocato dell'ex capo della Protezione civile, Filippo Dinacci, che aggiunge: "Adesso qualcuno dovrà chiedere scusa".

LEGGI ANCHE Sisma L'Aquila, Bertolaso: Chiedano tutti scusa alla Protezione civile

"Sono contento certo soprattutto per tutti coloro che insieme a me hanno dato l'anima per aiutare la popolazione de L'Aquila colpita da quella tragedia" afferma Bertolaso. E aggiunge: "oggi è stata scritta una pagina di verità e di giustizia".

L'accusa aveva chiesto la condanna a tre anni di reclusione per l'ex capo della Protezione civile ritenuto l'ispiratore della riunione dell'ex Commissione Grandi Rischi che si tenne a L'Aquila il 31 marzo 2009 per rassicurare i cittadini sul fronte terremoto. Cinque giorni dopo, nella notte del 6 aprile, purtroppo le scosse arrivarono, provocando 309 morti e più di 1700 feriti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nuvole, poi arriva il sole: il meteo del 22 e 23 gennaio

Le previsioni dell'Aeronautica militare

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Roma, preso in Spagna Pellegrinetti: latitante della Banda Magliana

Era ricercato d 15 anni. Condannato in via definitiva a 13 anni di carcere

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Mafia, maxi blitz con 56 arresti. In manette anche un sindaco

Il pizzo veniva preteso dalle cooperative per la gestione degli immigrati richiedenti asilo

Nuova operazione Carabinieri palazzi Athena Zingonia

Mafia, parla nuovo pentito. Cinque arresti: c'è anche il figlio dell'autista di Riina

Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni