Sabato 05 Novembre 2016 - 15:15

Terremoto, evacuati laboratori ospedale Amandola: sono inagibili

Saranno sostituiti da tende e poi da moduli

Sisma, evacuati laboratori ospedale Amandola: dichiarati inagibili

Sono stati evacuati in mattinata i laboratori dell'ospedale di Amandola, vicino a Fermo, dichiarati inagibili a seguito delle recenti scosse di terremoto che hanno colpito il centro Italia. Dalla struttura erano stati già evacuati tutti i degenti lo scorso 24 agosto, dopo il primo forte sisma. Negli ultimi giorni la situazione è peggiorata tanto che si è deciso di evacuarla completamente. La protezione civile fa sapere che nelle prossime ore verranno montate delle tende pneumatiche per proseguire le attività dei laboratori. Le tende saranno presto sostituite da quattro moduli.
Sul posto stamani si sono recati il commissario per la ricostruzione Vasco Errani, il capo della protezione civile Fabrizio Curcio e il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Esplosione palazzina via Villoresi 78 a sesto san giovanni

Milano, incidente sul lavoro: 4 operai intossicati in un'azienda di ferro

È successo nella fabbrica 'Lamina', in via Rho 9. Intervenuti i vigili del fuoco e 118

RIGIOPIANO UN ANNO DOPO | L'ultimo superstite: "Senza moglie, futuro e orfano dello Stato"

Parla Giampaolo Matrone che nella tragedia ha perso la moglie Valentina: "Farò di tutto perché mia figlia abbia sempre il sorriso"

Farindola, paese in lutto ai funerali di Alessandro Giancaterino

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Abusi edilizi e ritardi, i filoni dell'inchiesta

Sono 23 le persone indagate. Quattro ipotesi di reato: lentezza dei soccorsi, gestione emergenza neve, costruzione dell'albergo, mappa delle valanghe

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Professor Marcella: "Mio allarme inascoltato, ho ancora morte nel cuore"

Parla il ristoratore che provò, invano, a lanciare l'allarme per Rigopiano. Lo trattarono da uno che faceva scherzi inopportuni. Oggi ci soffre ancora