Sabato 20 Agosto 2016 - 18:45

Siria, tre giorni dopo raid Aleppo muore fratello del bimbo Omran

Il piccolo Ali Daqneesh, di 10 anni, era rimasto ferito mercoledì insieme al resto della famiglia

Siria, tre giorni dopo il raid su Aleppo muore il fratello del bimbo Omran

E' morto il fratello di Omran, il bambino siriano la cui immagine è diventata il simbolo delle sofferenze ad Aleppo. Lo hanno fatto sapere attivisti sul posto, citati dai media internazionali, mentre Caroline Anning di Save the Children ne ha dato notizia su Twitter. Il piccolo Ali Daqneesh, di 10 anni, era rimasto ferito mercoledì assieme al fratellino Omran e al resto della famiglia, quando un attacco aereo aveva ridotto in macerie l'edificio in cui vivevano. Ali era stato portato in ospedale assieme ai familiari, ma è morto oggi a causa delle ferite riportate. L'ong britannica Solidarity Campaign ha confermato il decesso, parlando di "crimine di guerra". In un'intervista al britannico Telegraph, il padre dei bambini ha raccontato che il figlio maggiore Ali stava giocando con degli amici nella strada, al momento del raid. Lui, invece, si trovava seduto su un divano vicino a Omran, con la moglie, un altro figlio e due figlie nell'appartamento al primo piano. "E' molto doloroso guardare i tuoi figli cadere di fronte ai tuoi occhi", ha detto.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato