Sabato 08 Aprile 2017 - 09:00

Siria, Tajani: No all'escalation ma crimini di guerra da punire

Presidente parlamento Ue: "E' momento che l'Europa resti unita per la pace"

Antonio Tajani

Milano, 8 apr. (LaPresse) - "E' il momento che l'Europa resti unita, svolga una forte azione politica per arrivare alla soluzione pacifica del conflitto siriano e poi penseremo a processare i criminali di guerra". Così Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, in un'intervista al quotidiano 'la Repubblica'. "La rappresaglia degli Usa alla Siria? Il bombardamento c'è stato e rappresenta la reazione a un attacco criminale con le armi chimiche. Ora però - ha avvertito - dobbiamo essere pragmatici, chiudere questo capitolo e aprirne un altro per bloccare l'escalation e lavorare insieme per la pace. Il bombardamento deciso da Trump è un segnale, un'azione mirata, non credo che voglia un'escalation. E nemmeno Putin. Prima dell'attacco il Cremlino è stato tiepido su Assad, l'Europa deve lavorare per sfruttare tutti i margini diplomatici disponibili spingendo per un accordo e svolgendo un ruolo attivo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam

Nuove accuse per Polanski, donna denuncia: "Abusò di me a 16 anni"

Terza donna accusa Polanski: "Abusò di me a 16 anni"

I fatti risalirebbero a 40 anni fa e sono prescritti

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

Negli ultimi giorni alcuni familiari avevano denunciato che durante la detenzione era stato torturato