Mercoledì 14 Dicembre 2016 - 21:00

Siria, salta evacuazione civili ad Aleppo: ripresi i raid

La Russia aveva annunciato lo stop delle operazioni dell'esercito siriano dopo il raggiungimento di un accordo di cessate il fuoco

Siria, salta evacuazione civili ad Aleppo: ripresi i raid

Aleppo di nuovo in preda a bombardamenti e combattimenti. La Russia aveva annunciato lo stop delle operazioni dell'esercito siriano dopo il raggiungimento di un accordo di cessate il fuoco, fra Mosca e Turchia, per consentire l'evacuazione di ribelli e civili dalle ultime zone di Aleppo est in mano all'opposizione. L'evacuazione doveva cominciare stamattina alle 5 ora locale (le 4 in Italia), ma la ventina di bus verdi arrivati al punto di raccolta nel quartiere di Al Ramusa, nella zona sud della città e vicino ai quartieri in mano ai ribelli, per caricare a bordo le persone da evacuare, sono dovuti tornare indietro vuoti. Pare che l'accordo sia saltato, almeno per il momento, e poco dopo sono ripresi i bombardamenti aerei sulla città. Qualcuno parla di un possibile rinvio dell'evacuazione a domani, ma finora non ci sono certezze. Secondo i dati dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, dovevano abbandonare Aleppo 15mila persone: 5mila ribelli e 10mila civili, fra cui anche familiari dei combattenti.

Intensi i combattimenti tra i soldati governativi e le fazioni ribelli nelle zone di confine tra i quartieri controllati dalle autorità e quelli in mano all'opposizione. L'Osservatorio riferisce che le forze leali al presidente siriano Bashar Assad hanno aperto il fuoco dell'artiglieria contro i quartieri a maggioranza ribelle, mentre i ribelli hanno lanciato razzi contro le zone in mano alle truppe governative ad Aleppo ovest. Il bilancio complessivo, sempre secondo la ong, è di almeno 10 morti e una trentina di feriti.

Ma perché è saltato l'accordo? La motivazione pare essere l'insoddisfazione dell'Iran, che appoggia Assad anche con forze sul campo, nonché quella del governo siriano. A raggiungere l'intesa su tregua ed evacuazione, infatti, erano stati la Russia, che dall'anno scorso sostiene Damasco con raid aerei, e la Turchia, che è schierata a fianco delle forze anti Assad (ma non dei curdi). Mentre anche Teheran e Damasco avrebbero voluto la propria parte. Diverse fonti dell'opposizione consultate da Efe hanno attribuito la responsabilità dello stop all'accordo alle milizie iraniane; in particolare il coordinatore delle fazioni ribelli di Aleppo, Abdelmoneim Zeinedin, spiega il motivo: anche l'Iran vuole la sua contropartita e chiede che nell'accordo si includano delle clausole speciali per "gli interessi sciiti legati a Fua e Kefraya", due villaggi a maggioranza sciita della provincia di Idlib che sono sotto assedio da parte di gruppi ribelli e islamisti, tra cui il Fronte della conquista del Levante, ex filiale siriana di al-Qaeda. Le milizie iraniane - spiega a Efe il portavoce del Consiglio della provincia di Aleppo libera, Abu Zaer al Halabi, il cui organismo è incaricato dell'amministrazione nelle zone dominate dai ribelli - vogliono "portare fuori i feriti e gli ammalati da Fua e Kefraya".

L'Osservatorio siriano per i diritti umani, dal canto suo, sottolinea che è stato il governo siriano a evitare l'applicazione del patto Russia-Turchia perché non era stato consultato: fra i motivi, quello che tra i ribelli ci sono circa 250 guerriglieri stranieri che le autorità siriane vorrebbero arrestare, nonché il fatto che l'esercito pensa di non avere vantaggio a fermarsi adesso visto che era sul punto di prendere il totale controllo di Aleppo.

Due giorni fa le autorità siriane avevano annunciato che controllavano il 98% di Aleppo est, che prima era invece totalmente in mano all'opposizione (la città era infatti divisa a metà, fra la zona ovest in mano al governo e quella est in mano all'opposizione). Adesso invece i civili sono intrappolati in un'area di tre chilometri quadrati nella zona sudest di Aleppo: è l'unica parte della città che rimane ancora sotto il dominio dell'opposizione.

Scritto da 
  • Chiara Battaglia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"

FILE PHOTO: National Constituent Assembly's President Delcy Rodriguez speaks during a session of the assembly at Palacio Federal Legislativo in Caracas

Venezuela, parlamento rifiuta 'scioglimento' da Costituente

L'assemblea eletta lo scorso 30 luglio ha approvato oggi un decreto con cui assume il potere di votare le leggi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

FILE PHOTO: U.S. President Donald Trump talks to senior staff Steve Bannon during a swearing in ceremony for senior staff at the White House in Washington

Usa, ultimo giorno del consigliere Bannon alla Casa Bianca

Nel mirino i suoi stretti legami con i gruppi di estrema destra