Giovedì 07 Settembre 2017 - 09:15

Raid Israele su stabilimento chimico dell'esercito siriano

II bilancio è di due soldati morti

Operazioni militari contro IS al confine tra Siria e Libano

Aerei da guerra israeliani hanno preso di mira una postazione dell'esercito siriano vicino Masyaf, nella provincia siriana di Hama, e il bilancio è di due soldati morti. È quanto denuncia il comando generale dell'esercito della Siria. L'Osservatorio siriano per i diritti umani afferma che la struttura dell'esercito siriano colpita da un raid aereo di Israele è lo Scientific Studies and Research Centre, branca dell'agenzia governativa siriana accusata dagli Stati Uniti di produrre armi chimiche. L'Osservatorio parla di sette vittime, tra morti e feriti. Sempre secondo la ong, un deposito vicino al centro era usato per conservare razzi terra-terra e una volta qui è stato visto personale di Iran e del gruppo libanese Hezbollah. 

L'esercito siriano, secondo quanto si legge sull'agenzia di stampa di Stato siriana Sana, afferma che "gli aerei israeliani hanno sparato diversi razzi dallo spazio aereo libanese alle 2.42 di giovedì". L'esercito minaccia "pericolose ripercussioni di questa azione aggressiva sulla sicurezza e stabilità della regione" e afferma che "questa aggressione giunge nel disperato tentativo di innalzare il morale crollato dei terroristi dell'Isis dopo le vaste vittorie riportate dall'esercito siriano su più di un fronte" e quindi conferma "il diretto supporto fornito da Israele all'Isis e ad altre organizzazioni terroristiche".

Un portavoce dell'esercito israeliano si è rifiutato di commentare la notizia del raid in Siria, affermando che l'esercito non commenta questioni operative. In passato funzionari israeliani hanno ammesso che Israele aveva attaccato carichi di armi diretti al gruppo libanese Hezbollah sostenuto dall'Iran, alleato del presidente siriano Bashar Assad, senza però precisare quali. Un ex capo dell'intelligence militare israeliana, Amos Yadlin, ha scritto su Twitter che non si tratta di routine e che quello preso di mira è un centro scientifico militare: "La struttura a Masyaf produce anche armi chimiche e barili esplosivi che hanno ucciso migliaia di civili siriani", ha scritto. Non ci sono conferme indipendenti che l'obiettivo del raid fosse effettivamente questo, ma in passato il governo siriano è stato accusato anche dall'Onu di condurre attacchi chimici, cosa che Damasco nega. Inoltre in passato funzionari israeliani hanno riferito che Israele e Russia, altro alleato di Assad, mantengono contatti regolari per coordinare l'azione militare in Siria. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti

FILE PHOTO: Zimbabwe VP Mnangagwa listens as Mugabe delivers his state of the nation address to the country's parliament in Harare

Zimbabwe, venerdì giurerà il nuovo presidente Mnangagwa

E' rientrato in aereo ad Harare. Due settimane fa, destituito da Mugabe, era dovuto fuggire. Elezioni entro settembre del 2018

FILE PHOTO - Artistic Gymnastics - Women's Qualification - Subdivisions

Ginnastica Usa, Gabby Douglas rivela: "Anch'io molestata dal medico"

La campionessa olimpica racconta di essere stata una vittima di Larry Nassar, il sanitario già in galera per pedopornografia

Esercitazione dei bombardieri americani nei cieli della Corea del Sud

Usa, aereo militare precipita nel Pacifico: undici persone a bordo

L'incidente potrebbe essere stato causato da problemi al motore