Lunedì 21 Novembre 2016 - 15:00

Siria, Kirill: Russia e Occidente collaborino, speranza da Trump

"Vediamo che ha intenzione di stabilire un dialogo con Mosca e questo è un bene"

Siria, patriarca Kirill: Russia e Occidente collaborino, speranza da Trump

"Continuiamo a sentire che la coalizione ha un suo approccio e la Russia ha una posizione diversa. Bene, ora è il momento in cui non possiamo più avere due posizioni in conflitto. Dobbiamo allinearci". Queste le parole del patriarca Kirill, guida della Chiesa ortodossa in Russia, in un'intervista con RT. "Ecco perché sono stato contento di sentire ciò che il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto a questo proposito. Ha chiaramente sottolineato la necessità di combattere il radicalismo e il terrorismo islamico".

"Speriamo sia l'obiettivo verso cui andremo, anche in termini di relazioni Russia-Usa", ha proseguito il leader religioso. "Il terrorismo costituisce una reale minaccia per il mondo intero, inclusi la Russia, il Medioriente, l'Europa occidentale, gli Usa", ha sottolineato, quindi "è tempo di mettere assieme le idee, unire le forze e collaborare per risolvere questo problema che molti Paesi e popoli stanno affrontando".

"Sulla base di ciò che il presidente Trump ha detto nel corso della campagna elettorale, vediamo che ha intenzione di stabilire un dialogo con la Russia, anche e soprattutto nella lotta al terrorismo. Questo è un bene, apre nuove opportunità per la collaborazione, che è ciò che spero avremo nelle relazioni Russia-Usa". "Non c'era speranza in ciò che gli altri dicevano", ha proseguito, "mentre le parole di Trump ci danno speranza. È molto importante che i leader delle grandi potenze globali instillino speranza in un futuro migliore".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Giappone, allarme a Gamagori: pesce velenoso venduto per errore

Il fugu è considerato una prelibatezza nel Paese, ma dev'essere cucinato da cuochi esperti. Anche un solo boccone può rivelarsi fatale

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine

Dodici ragazzi segregati e legati in una casa in California

Arrestati i genitori. E' successo a Perris, a est di Los Angeles. Una si è liberata e ha chiamato la polizia. Una scena infernale