Mercoledì 05 Aprile 2017 - 20:15

Siria, la Russia difende Assad: è scontro alle Nazioni Unite

Trump ha detto che dopo l'attacco chimico il suo atteggiamento nei confronti di Assad è cambiato

Siria, la Russia difende Assad: è scontro all'Onu

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, assicura che l'attacco chimico di ieri in Siria lo ha "colpito" molto e afferma che per lui ha superato "molte linee, più di una linea rossa". "Per me quello che è successo ieri è inaccettabile", ha detto Trump, parlando in conferenza stampa congiunta con il re Abdullah II di Giordania alla Casa Bianca. Trump sottolinea come il suo atteggiamento verso il conflitto siriano e verso il presidente siriano Bashar Assad "sia cambiato". 

Scontro al Consiglio di sicurezza dell'Onu, dove la Russia ha chiesto che qualunque decisione sul possibile uso di armi chimiche in Siria venga adottata dopo una indagine "completa" sui fatti recenti. "Non sarebbe serio" se il Consiglio di sicurezza approvasse una risoluzione sull'attacco chimico di ieri in Siria senza avere fatto un'indagine "oggettiva", ha detto il rappresentante della Russia presso le Nazioni unite, Vladimir Safronkov, limitandosi a dire che sull'attacco di ieri ci sono "notizie false".

LEGGI ANCHE Onu chiede indagine su raid a Idlib. Siria accusa Occidente

Safronkov è intervenuto nella riunione d'emergenza, convocata proprio a seguito dell'attacco di ieri, per giustificare l'opposizione di Mosca a una bozza di risoluzione Onu stilata da Regno Unito, Francia e Stati Uniti che prevede la condanna dell'attacco di ieri e chiede un'indagine sull'accaduto. Alla fine il testo di risoluzione non è stato portato nella sessione mattutina del Consiglio Onu. Il bilancio dell'attacco è di una settantina di morti e oltre 200 feriti e organizzazioni come Msf hanno fatto sapere che le vittime avevano sintomi compatibili con quelli di un agente neurotossico come il gas Sarin.

La Russia punta il dito contro l'ex presidente Usa Barack Obama per gli attacchi in Siria. Secondo Mosca, è stata la minaccia di Obama di un intervento militare nel caso del superamento di una "linea rossa" e dell'uso di armi chimiche in Siria ad avere provocato questo tipo di attacchi. "Quella decisione è servita come punto di partenza per successive provocazioni da parte di terroristi" con "l'uso di armi chimiche" perché "hanno provato a screditare il regime di Damasco", ha detto il vice ambasciatore russo all'Onu, Vladimir Safronkov, parlando alla riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu indetta proprio a seguito dell'attacco chimico di ieri nella provincia di Idlib.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in visita a Temuco

Cile, Papa condanna frange estremiste nativi: "No riconoscimento a prezzo vite"

Continua il viaggio di papa Francesco in Cile. Il pontefice ha celebrato la santa messa davanti alle rappresentanze delle popolazioni indigene originarie dell'Araucanìa

Catalogna: si riunisce il nuovo Parlamento

Catalogna, indipendentista Torrent eletto presidente Parlament

È stato eletto con 65 voti a favore e 56 contrari

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.