Martedì 29 Novembre 2016 - 14:30

Siria, appello di italiano rapito: Salvatemi dall'esecuzione

La Farnesina sta seguendo il caso: "Siamo in stretto contatto con i familiari"

Siria, italiano lancia appello: Rapito da 7 mesi, salvatemi dall'esecuzione

Un cittadino italiano, Sergio Zanotti, sarebbe stato rapito in Siria sette mesi fa e ora sarebbe ostaggio di un gruppo armato non identificato. Su YouTube circola un video in cui l'uomo, vestito con una tunica bianca, parlando in italiano, con alle spalle un uomo armato vestito di nero, lancia un appello al governo italiano. "Mi chiamo Sergio Zanotti, sono da sette mesi prigioniero in Siria. Prego il governo italiano di intervenire nei miei confronti, prima di una mia eventuale esecuzione", sono le sue parole. Zanotti è originario di Marone, nel bresciano. In paese, secondo quanto riferiscono suoi concittadini, era sparito da mesi ma non si sapeva dove potesse essere.

Fonti dell'unità di crisi della Farnesina fanno sapere che "le autorità italiane sono a conoscenza del video da alcuni giorni e stanno seguendo il caso". La Farnesina è in "stretto contatto con i familiari, l'ex moglie e tre figlie, e con le altre articolazioni competenti dello Stato italiano". 

 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Egitto, spari contro bus di cristiani copti a Minya

Egitto, esplode autobomba nel Sinai: 7 morti, 2 sono bambini

Il veicolo era stato intercettato a un checkpoint nella città di Arish

Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

La decisione dopo giorni di scontri e proteste violente

Piange al matrimonio del papà. La matrigna: "Sei un dono"

Emily ha deciso di scrivere i voti matrimoniali anche al figlio del suo promesso sposo. Il bambino non trattiene la commozione

Recupero di migranti sulle coste libiche

Vertice a Tunisi sui migranti. Minniti: cooperare tra Europa e Africa

Riunito il gruppo di contatto sulla rotta del Mediterraneo. Il ministro degli interni invita la Libia a maggiori controlli