Martedì 04 Ottobre 2016 - 08:45

Siria, in Consiglio Onu bozza per tregua immediata ad Aleppo

Il testo, proposto da Francia e Spagna, invita a "porre fine a tutti i voli militari sulla città"

Siria, in Consiglio Onu bozza per tregua immediata ad Aleppo

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite hanno cominciato nel pomeriggio americano di lunedì i negoziati su una bozza di risoluzione che invita Russia e Stati Uniti a garantire una tregua immediata ad Aleppo, in Siria, e a "porre fine a tutti i voli militari sulla città". Il testo, visto da Reuters, proposto da Francia e Spagna, chiede inoltre al segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, di proporre opzioni per un monitoraggio della tregua supervisionato dall'Onu e minaccia l'adozione di "ulteriori misure" nel caso del mancato rispetto "da parte di ogni parte coinvolta nel conflitto domestico siriano".

Le forze del presidente siriano Bashar Assad, sostenute da aerei da guerra della Russia e appoggiate dall'Iran, combattono per conquistare Aleppo est, cioè la metà della città in mano ai ribelli, in cui sono intrappolati oltre 250mila civili.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"

Trump parla all'Heritage Foundation President's Club a Washington

Le condoglianze di Trump alla famiglia del soldato ucciso: "Sapeva quel che faceva"

La frase rivelata da una deputata e smentita dal tycoon, è stata invece confermata dalla mamma del giovane morto in Niger