Lunedì 28 Novembre 2016 - 11:45

Siria, l'esercito di Assad riconquista zona est di Aleppo

Migliaia di civili stanno scappando verso l'area curda

Siria, esercito di Assad riconquista la zona est di Aleppo

L'esercito di Assad e i suoi alleati hanno riconquistato il distretto di al-Sakhour, nella parte orientale di Aleppo, prima controllato dai ribelli. Citando una fonte militare, la tv di Stato ha riferito che l'intera area è stata occupata dai miliari che stanno lavorando per disattivare le mine. L'Osservatorio siriano per i diritti umani conferma che i ribelli hanno perso il controllo di oltre un terzo di Aleppo est negli ultimi giorni. "Nelle prossime ore, il resto del settore settentrionale verrà preso", ha detto a Reuters un soldato dell'esercito, chiedendo di non venire identificato. Riprendere il controllo di Aleppo est sarebbe un importante passo avanti per il governo di Bashar Assad dallo scoppio della rivolta nel 2011. "È la maggiore sconfitta per l'opposizione a Aleppo dal 2012", ha commentato Rami Abdulrahman, direttore dell'Osservatorio.

CIVILI IN FUGA DALLA CITTA'. Circa 10mila civili sono fuggiti dalla periferia orientale della città. Gli sfollati hanno raggiunto zone di Aleppo sotto il controllo delle forze siriane democratiche (Fsd), un'alleanza curda-arabo armata sostenuta dagli Stati Uniti. La Ong ha precisato che circa 6.000 civili sono fuggiti da Aleppo orientale al quartiere Shaykh Maqsud, nel nord, controllato da Fsd, mentre altre 4mila persone circa si sono spostate in zone nelle mani delle forze governative.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, terremoto 8.2 in Alaska: allerta tsunami

La notizia dell'istituto geologico americano Usgs

Bahareh Sassani in parcadute per l'ugualianza delle donne in Iran

A 35 anni combatte contro gli sterotipi del suo Paese: "Siamo capaci tanto quanto gli uomini, non c'è nulla che vogliamo che non possiamo fare"

Giappone, erutta vulcano sulle piste da sci: 1 morto e 15 feriti

Cinque sono in gravi condizioni, 78 persone sono rimaste bloccate in quota