Martedì 23 Febbraio 2016 - 13:00

Siria, attivisti: 4.435 morti in raid coalizione, 366 civili

Lo ha fatto sapere l'Osseravatorio siriano per i diritti umani

  Siria, attivisti: 4.435 morti in raid coalizione, 366 civili

Almeno 4.435 persone sono morte in Siria in 17 mesi di bombardamenti della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti, di cui almeno 366 civili tra cui 92 minori e 64 donne. Lo ha fatto sapere l'Osseravatorio siriano per i diritti umani, precisando che le vittime sono state causate dagli attacchi nelle province di Al-Hasaka, Alepo, Deir el-Zour, Al-Raqqa e Idlib, tutte nel nord del Paese. Il principale massacro per un raid della coalizione è avvenuto fra il 30 aprile e il primo maggio del 2015, quando almeno 64 persone persero la vita a Bir Mahali, a sud di Kobane nella provincia di Aleppo.

Lo Stato islamico ha riportato almeno 3.914 vittime, in maggioranza combattenti stranieri. I due più noti tra loro sono stati Abu Osama al Iraquí e Amer al Rafidan. Il primo era il leader del gruppo nella provincia di Baraka, il secondo a Deir el-Zour. Altri 135 militanti del Fronte al-Nusra sono stati uccisi, tra cui Mohsen Fadli, ritenuto da Washington il ledaer del gruppo Korasan legato ad al-Qaeda.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Disney lavora a possibile offerta per acquisire Twitter

Disney lavora a possibile offerta per acquisire Twitter

Anche Salesforce.com starebbe lavorando a un'offerta, assieme con Bank of America

Terrorismo, Ue: Attacchi con armi chimiche sono possibili

Terrorismo, Ue: Attacchi con armi chimiche sono possibili

de Kerchove: E' necessario studiare i "nuovi modus operandi" dei jihadisti

Uomo spara in un supermercato ad ovest di Parigi: due feriti

Uomo spara in un supermercato ad ovest di Parigi: due feriti

E' accaduto nel sobborgo parigino di Port-Marly. Procura: No terrorismo

Referendum Svizzera, ministro a Gentiloni: No conseguenze ora

Referendum in Ticino, Gentiloni: Ostacolo a intesa Ue-Svizzera

Gli elvetici avvertono il ministro: Non ci saranno ripercussioni immediate sui lavoratori frontalieri italiani