Giovedì 14 Luglio 2016 - 08:45

Siria, Assad: Mai discusso con Putin di lasciare il potere

Il presidente nega una transizione, nonostante le pressioni Usa

Siria, Assad: Mai discusso con Putin di lasciare il potere

Il presidente siriano Bashar Assad ha ammesso di non aver mai discusso con il leader russo Vladimir Putin di lasciare il potere, nonostante le pressioni di Washington. "Non abbiamo mai detto una sola parola al riguardo", ha dichiarato Assad in un'intervista all'Nbc News alla domande se Putin o il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov avessero parlato con lui di una transizione politica in Siria.

Assad non si è detto preoccupato del fatto che Putin e il segretario di Stato Usa, John Kerry, oggi a Mosca, stringeranno un accorso che lo costringa a lasciare il potere. "Perché la loro politica, voglio dire, la politica russa, non si basa sul fare accordi. Si basa su valori", ha precisato il leader siriano. Kerry sarà infatti oggi a Mosca per cercare una maggiore cooperazione con la Russia nella lotta contro lo Stato islamico.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%