Giovedì 15 Dicembre 2016 - 11:45

Siria, iniziata l'evacuazione di 5mila ribelli da Aleppo est

Forze pro-Assad sparano contro convoglio diretto verso ovest: un morto e quattro feriti

Siria, al via l'evacuazione di ribelli e civili dalla città di Aleppo

L'evacuazione di 5mila ribelli siriani e dei loro familiari da Aleppo est è iniziata. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo, secondo quanto ha riferito l'agenzia Tass. Il loro trasferimento avverrà lungo un corridoio umanitario, ha dichiarato un ufficiale dell'esercito di Mosca.

Ambulanze e pullman che trasportano malati e feriti, così come con persone che si trovavano nei quartieri assediati ad Aleppo est, hanno cominciato a uscire dalla zona orientale della città attraverso il corridoio meridionale Ramousah-Ameriya. Intanto, le forze governative sono entrate con escavatori nei distretti assediati, per rimuovere le barriere di sacchi di sabbia.

L'accordo per evacuare ribelli e civili da Aleppo è stato raggiunto dopo che i negoziatori hanno superato l'opposizione dell'Iran e delle sue milizie. "Ci sono stati tentativi iraniani di sfruttare la situazione al Aleppo e impedire qualsiasi evacuazione della nostra gente da Aleppo assediata, ma alla fine un accordo è stato raggiunto nonostante l'intransigenza iraniana", ha detto il portavoce del gruppo ribelle Ahrar al Sham. Secondo i ribelli siriani, la Turchia ha avuto un ruolo importante nel far sì che la Russia esercitasse pressione su Damasco per il rispetto dell'intesa, dopo che ieri è stata rimandata.

Nella notte, i contatti tra le parti sono riusciti a resuscitare il cessate il fuoco che era stato dichiarato ed era poi crollato, ha spiegato l'ala comunicazione di Hezbollah. Un accordo iniziale, raggiunto da Russia e Turchia, era infatti rimasto bloccato ieri, con la pianificata evacuazione che non si era concretizzata, mentre i combattimenti erano ripresi. Un ufficiale del gruppo ribelle Jabha Shamiya ha fornito dettagli sul nuovo accordo, parlando di un'entrata in vigore alla 1.30 italiana. Un giornalista di Reuters ad Aleppo ha riferito che dalle prime ore del mattino non si sono sentiti rumori di scontri nella città.

L'evacuazione ad Aleppo sarebbe una svolta decisiva dopo anni di combattimenti e segnerebbe una grande vittoria per il regime del presidente Bashar Assad. Per la nuova intesa, l'Iran ha imposto nuove condizioni, chiedendo la simultanea evacuazione dei feriti da due villaggi assediati dai ribelli, secondo fonti ribelli e Onu. Rappresentanti dei gruppi ribelli hanno accettato la condizione.

SPARI CONTRO CONVOGLIO FERITI. Una persona è morta e quattro sono rimaste ferite, dopo che spari sono stati esplosi contro un convoglio di pullman che usciva da Aleppo est per le evacuazioni. Secondo l'agenzia turca Anadolu, la responsabilità dell'attacco sarebbe di "cecchini di milizie sciite sotto il comando dell'Iran". Il fatto è avvenuto a Ramousah, alla periferia sudest di Aleppo, mentre il convoglio attendeva a un posto di controllo dell'esercito di Damasco.

Intanto, l'emittente CnnTurk mostra immagini di lunghe file di minibus e furgoni fermi, apparentemente in attesa di partire. Secondo l'Osservatorio siriano, almeno tre persone sono rimaste ferite per gli spari delle forze governative contro la zona in mano ai ribelli. Stavano ritirando sacchi di sabbia quando sono state colpite dai proiettili nell'area di Tel Zarazir, nel distretto di Al Sukari sotto controllo dell'opposizione, hannno riferito gli attivisti.

La Difesa civile siriana ha scritto su Twitter che tra i feriti c'è uno dei suoi volontari, colpito mentre controllata la via scelta per l'evacuazione di malati e feriti da Aleppo est. Un centinaio di volontari e operatori del Comitato internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa siriana è dispiegato sul terreno ad Aleppo, per contribuire all'evacuazione dei malati e dei feriti dalla parte orientale della città.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Balla la Macarena per strada: 14enne arrestato in Arabia Saudita

Il video mentre attraversa la strada al passo di danza è diventato virale dopo un anno scatenando la reazione della polizia saudita

Violenti scontri nella notte dopo la visita di Trump a Phoenix

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump

Barcellona, libero un arrestato. Documento Isis in covo di Alcanar

Un altro imputato resterà in carcere ancora per 72 ore. Negata la cauzione agli altri due. Chemlal: "Volevamo colpire la Sagrada Familia"