Domenica 03 Dicembre 2017 - 10:45

Sinistra, parte la 'nuova proposta' con Grasso: l'assemblea di Mdp-Possibile-Si

A Roma Speranza, Civati e Fratoianni lanciano la lista unitaria alternativa al Pd. Presenti 1500 delegati

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Il grande giorno è arrivato. Lo si chiami 'Grasso Day' o 'l'epifania della Cosa Rossa', oggi la sinistra prova a fare quello che finora non le è riuscito: riunirsi sotto un unico simbolo e correre alle prossime elezioni in un'unica lista che veda uniti, sotto l'egida di Pietro Grasso, Articolo1-Mdp, Possibile e Sinistra italiana.

Migliaia di persone si sono radunate nel palazzetto dell'Atlantico all'Eur di Roma per l'assemblea popolare della lista unitaria di sinistra, circa 5mila dicono gli organizzatori. Grasso è stato accolto da un lungo applauso e ha posato per una foto di gruppo con i tre leader Speranza, Civati e Fratoianni. "La partecipazione è una bella cosa e fa ben sperare. C'è una aspettativa per qualcosa di positivo", ha detto poco prima di sedersi in prima fila in platea.

Oltre ai 'testimoni' chiamati a intervenire all'inizio, è prevista la presenza dei circa 1500 delegati eletti la scorsa settimana nel corso delle assemblee provinciali e di cinquecento invitati. Presenti Pier Luigi Bersani, Massimo D'Alema e Bobo Craxi. Invitati i tre leader di Cgil, Cisl e Uil.

 

 

"Siamo diventati una squadra e mi piace immaginare che oltre a libertà e uguaglianza ci sia anche fratellanza. Il nostro progetto non è solo unire la sinistra, impresa titanica e mai riuscita, ma anche per cambiare l'Italia", dice Civati, alludendo al nuovo nome della lista con Fratoianni e Speranza 'Liberi e uguali'. Poi lancia una provocazione a Pisapia. "Ci sono poi coalizioni da incubo che vedono Bonino insieme a Minniti da un lato e Merkel con i No euro dall'altro. Mi chiedo se prima dici che non vuoi Ap perché poi vai con Alfano che vuole abolire l'articolo 18 e non vuole la patrimoniale? E il mio appello è: Giuliano, dove 'campo' vai?".

Interviene poi Fratoianni. "E' stato un viaggio molto lungo, come quello di delegati e delegate rimasti fuori da questa sala. A loro chiedo scusa: abbiamo sbagliato, dovevamo prendere una sala più grande. Questo è un viaggio di tante e tanti con storie diverse e linguaggi diversi, ma che sentono un'urgenza: quella di ribadire fedeltà agli oppressi e di continuare quel pensiero critico per dare voce a un'alternativa politica". 

 

Loading the player...

Standing ovation per Speranza, che nel suo intervento dichiara: "Qui c'è un sogno che si realizza, a breve cominceremo una nuova storia insieme. Grazie a Piero (Pietro Grasso, ndr) per essere qui. C'è un filo rosso che ci lega: molti hanno iniziato a fare politica dopo le stragi mafiose degli anni novanta. Sono orgoglioso che tu sia qui con noi e il fatto che tu sia qui con noi mi fa pensare che siamo dalla parte giusta. E non c'è altro di più bello che fare la politica pensando di essere dalla parte giusta. Quello che stiamo creando è più grande di noi". 

"Oggi inizia una storia bella e importante, che serve a questo Paese e rafforza l'Italia e ci mette là dove dobbiamo stare. Noi presentiamo una lista oggi, ma una lista non basta: serve un grande soggetto politico per cambiare questo Paese. Per farlo serve un cambiamento vero, un cambiamento radicale: serve cambiare davvero. Noi faremo un soggetto grande, se qualcuno pensa a stampelle e liste civetta guardi a un'altra parte perché qui non siamo interessati".

Infine l'intervento più atteso, quello di Grasso, che commosso ringrazia il pubblico per la fiducia. "Dare le dimissioni dal gruppo del Pd è stata una scelta politica e personale che ha fatto molto rumore. Mi hanno offerto incarichi e chiesto di fermarmi un giro, mi hanno chiesto di fare la riserva della Repubblica: mi dispiace questi calcoli non fanno per me". 

"Proveniamo qui da storie diverse per difendere principi nei quali crediamo. In questo momento deve prevalere lo spirito di servizio, la volontà di ritrovare un pezzo di Paese che deluso si astiene. Tocca a noi difendere valori in cui tutti si riconoscano: tasse progressive e parità di genere. Insomma una nuova idea di Paese e, per tutto questo, io ci sono". 

Grasso legge poi l'articolo 3 della Costituzione: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali". E aggiunge: "Tocca a noi dire che la Costituzione ha ancora dei fan, sono gli stessi che l'hanno difesa e che si mobiliteranno con noi. La nostra sfida è questa: battersi perché tutti siano liberi e uguali! Liberi e uguali! Liberi e uguali!".

Loading the player...
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto