Venerdì 27 Maggio 2016 - 15:45

Simeone: Fantastico giocare finale Champions, amo la pressione

Domani sera la finale tra Atletico e Real Madrid

Simeone: Fantastico giocare finale Champions, amo la pressione

"Giocare una finale è assolutamente fantastico, vincere è anche meglio. Quell'esperienza ti fa desiderare di essere rivissuta. Solo vincere ci renderebbe felici. Solo quello". Il tecnico dell'Atletico Madrid Diego Simeone ha presentato così in conferenza stampa la finale di Champions League con il Real Madrid, in programma domani sera a San Siro. "Non è facile - ha proseguito l'allenatore argentino -, devi concentrarti, reinventarti, cambiare i giocatori senza cambiare l'impegno, i valori, il lavoro. Se continui a lavorare, se perseveri, allora ottieni quello che vuoi. Mi piace avere 130 anni di storia sulle spalle. Amo la cosa, amo la pressione. Guardo sempre avanti, provando a trovare il meglio in ogni situazione, se pensate che siamo superstiziosi state sottovalutando il lavoro che stiamo portando avanti". Il 'Cholo' è entrato poi maggiormente nello specifico sulla partita. "L'inizio sarà molto teso, molto equilibrato - ha evidenziato -. Casemiro permette loro di riunirsi meglio se perdono palla e di mantenere il potenziale offensivo. Chiunque vincerà i primi duelli avrà un vantaggio. Il Real Madrid, con le sue doti tecniche, potrebbe provare a giocare di più". Simeone ha poi elogiato proprio il centrocampista dei blancos: " E' incredibile il lavoro che Zidane ha fatto, ha deciso di affidarsi a Casemiro, che ha cambiato la squadra. Non ha permesso che il passato del club lo influenzasse, e questo lo sta rendendo un allenatore importante. Per l'equilibrio della squadra, Casemiro è il giocatore più importante, di sicuro".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Liverpool v Real Madrid 2018 Champions League Final Package

Salah carico: "La finale di Champions è un sogno, voglio vincere"

L'egiziano si prepara alla sfida con il Real: "Dovremo solo concentrarci e non pensare a nulla del passato"

Gaetano Scirea

Gaetano Scirea: avrebbe 65 anni il 'gentleman' del calcio italiano

Morì in un incidente in Polonia nel 1989. Dai sette Scudetti con la Juve alla Coppa del Mondo: gli straordinari traguardi di uno dei difensori più forti di sempre

Coverciano, primo giorno di ritiro per la Nazionale di Roberto Mancini

Mancini alla prova del primo ritiro: "Possiamo dare molto. Buffon? Porte aperte"

Stesso discorso anche per De Rossi. Grandi speranze su Balotelli: "Dipende tutto da lui, dovrà dare il massimo"

Sampdoria - Napoli

Sarri rifiuta lo Zenit e si avvicina al Chelsea

Ma resta da risolvere il nodo di Conte, legato ai 'Blues' ancora per una stagione