Lunedì 04 Dicembre 2017 - 15:15

Sicurezza, Gentiloni: "Minacce da fronteggiare ma contiamo su intelligence"

Paolo Gentiloni si congratula con gli uomini e le donne della sicurezza

Chiusura del Forum Med - Mediterranean Dialogues

Terrorismo, esaltazione sovranista, cybersecurity. Le "minacce da fronteggiare" si evolvono e "il mondo libero è meno stabile nelle proprie scelte e negli equilibri istituzionali e di governo", ma anche "se le minacce non mancano e gli italiani non possono sentirsi al sicuro a prescindere, possiamo contare sulla nostra intelligence". Sono trascorsi dieci anni dalla riforma dei servizi segreti e Paolo Gentiloni approfitta delle celebrazioni che si svolgono alla presenza delle più alte cariche dello Stato, dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del Senato Pietro Grasso e ai vertici degli 007, per congratularsi con gli uomini e le donne della sicurezza.

"Penso che gli italiani siano consapevoli - esordisce - che il lavoro degli uomini e delle donne del sistema di sicurezza abbia contribuito a mantenere la sicurezza del Paese e nel Paese". "Abbiamo in larga misura ridimensionato la minaccia terroristica. L'anno che abbiamo alle spalle è quello della sconfitta militare di Daesh - ricorda il premier - tuttavia la diluizione e la diffusione della minaccia presenta pericol

Scritto da 
  • Nadia Pietrafitta
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Museo Ferroviario di Pietrarsa di Portici, conferenza programmatica Italia 2020 PD

Tap, Emiliano: "Il cantiere sembra Auschwitz". Calenda: "Sii civile"

Il governatore della Puglia attacca il ministro: "Io non sono contro il gasdotto, ho proposto di farlo approdare a Brindisi"

Strage Piazza Fontana

Strage di Piazza Fontana, sono 48 anni. Mattarella: "Manca verità esaustiva"

Il Capo dello Stato ha ricordato la bomba fascista che fece 17 morti e 88 feriti. I processi non hanno messo la parola fine

Riapertura del passaggio di collegamento tra il Collegio Romano e la Chiesa di San Ignazio

Via al piano istruzione 0-6 anni. Fedeli: "È svolta culturale"

Lo scopo è aumentare i servizi e sostenere i genitori, per dare alle bambine e ai bambini maggiori opportunità di accesso a un'istruzione di qualità fin dalla nascita