Sabato 18 Marzo 2017 - 10:30

Sicurezza, Gasparri: Altro che decreti di destra, solo propaganda

"Nessuna svolta reale da parte del governo Gentiloni"

Gasparri

Roma, 18 mar. (LaPresse) - "Sulla sicurezza non c'è nessuna svolta reale da parte del governo Gentiloni. Quelli varati non sono decreti di destra, sono solo propaganda. L'unica norma efficace è quella inserita grazie alla battaglia parlamentare di Carfagna, Vito, Gelmini e Brunetta sull'arresto differito, già a suo tempo introdotto per gli stadi ed ora allargato ad altre casistiche". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia.

"È l'unico strumento utile per arrestare, nelle ore successive ai fatti, chi si è reso responsabile di violenze - prosegue - I poteri ai sindaci invece sono pura propaganda perché il cosiddetto daspo è privo di garanzie penali e quindi non potrà produrre effetti significativi.  Non c'è alcuna valorizzazione delle polizie locali, non ci sono più soldi per le forze di polizia appartenenti al comparto sicurezza-difesa, non ci sono incrementi di carabinieri e poliziotti di quartiere. Inoltre, la politica fallimentare sull'immigrazione sta portando a un ulteriore aumento degli sbarchi".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regeni, 4 settembre informativa governo su rapporti Italia-Egitto

Regeni, a settembre governo informerà su rapporti con Egitto

Sinistra Italiana attacca: "E' urgente, rinvio è inaccettabile"

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network