Venerdì 29 Aprile 2016 - 08:45

Si fingevano poliziotti per derubare turisti in Italia: 13 arresti

I rapinatori, quasi tutti iraniani, simulavano controlli antidroga

Si fingevano poliziotti per derubare turisti in Italia: 13 arresti

Derubavano turisti fingendosi poliziotti. Agivano in tutta Italia e preparavano i colpi alloggiando in campeggi, residence o alberghi vicini ai grandi centri urbani che erano la metà preferita per le scorribande. I carabinieri del comando provinciale di Roma, dopo un'indagine denominata 'Fake cops', hanno arrestato 13 presunti rapinatori, quasi tutti di nazionalità iraniana. Altri due sono ricercati. Dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine ai danni di turisti, attuate sempre fingendosi poliziotti e simulando controlli antidroga. Sono anche accusati della ricettazione dei preziosi rubati. Le indagini hanno consentito di individuare in totale 29 indagati, con base logistica a Castel Volturno (Caserta), da dove il gruppo agiva a Roma, Milano, Venezia e Firenze,  utilizzando sempre documenti e distintivi falsi. Molti erano inoltre arrivati in Italia senza permesso di soggiorno, seguendo la rotta Turchia-Grecia-Italia.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Via Cola di Rienzo

Mobilità sostenibile, studio Greenpeace su 13 città Ue: Roma ultima

Nella Capitale si registra il più alto tasso di impiego di auto private

Vie intitolate a chi firmò per le leggi razzialiLargo Arturo Donaggio

Manda sms ai familiari: "Mi stanno uccidendo", poi muore in attesa di trapianto a Roma

Giallo sul decesso del 20enne al Policlinico. I genitori: "Ci avevano detto che le sue condizioni erano stabili, ma la situazione è precipitata". Indaga la procura

Ancora piogge e temporali: il meteo del 22 e 23 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Asti, un reportage tra i luoghi dei 5 omicidi che hanno sconvolto la città

Tabaccaio ucciso durante una rapina: 5 arresti ad Asti

Manuel Bacco perse la vita nel 2014, cercando di difendere la moglie dai malviventi