Mercoledì 08 Novembre 2017 - 17:30

Si chiama Pesto, il cucciolo di foca nato all'Acquario di Genova

Il nome è stato scelto attraverso un sondaggio tra i fan della pagina Facebook. Sabato il 'battesimo'

Si chiama Pesto, il cucciolo di foca nato lo scorso 13 agosto all’Acquario di Genova, il cui nome è stato scelto attraverso un sondaggio tra i fan della pagina Facebook. E s

abato 18 novembre dalle ore 14 alle 17, si svolge la festa di “battesimo” per Pesto, con una madrina d'eccezione: Veronica Pivetti. Per l'occasione verrà inaugurata ufficialmente l'entrata di Pesto nella vasca espositiva, dove ora nuota insieme alle altre foche tra cui mamma Luna, nonna Tethy e Baffo, il maschietto nato nell’estate 2016.

"Un’occasione per sensibilizzare il pubblico alla necessità di conservazione di un’altra specie di foca, la foca monaca (Monachus monachus), uno dei mammiferi marini a più alto rischio di estinzione del mondo, e per presentare le speciali iniziative dell’Acquario in onore di Pesto -- si legge sulla pagina Facebook dell'Acquario - Tra questi, i quotidiani appuntamenti 'A tu per tu' con l’esperto e il concorso 'Piccoli cuccioli crescono' che mette in palio speciali esperienze con il cucciolo e abbonamenti annuali all’Acquario di Genova".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Collistar insieme al Fai: "Ti amo Italia, ti difenderemo e ti proteggeremo"

Il progetto riguarda la manutenzione delle aree verdi che circondano Villa Balbianello, sul lago di Como

Blue Monday, oggi è il giorno più triste dell'anno. I consigli per superarlo

Ecco qualche trucco per tornare a sorridere anche in questo 'drammatico' lunedì

Supercomputer, verso la frontiera degli exaflop. E' corsa tra Ue e Resto del Mondo

Sono i calcolatori da un miliardo di miliardi di operazioni al secondo, indispensabili per affrontare temi al top di mobilità, medicina, clima ecc. E si cerca di capire come costruire il necessario sostegno economico a livello europeo

iPhone X in vendita a New York

Guai per Apple: Parigi apre un'inchiesta sul rallentamento degli iPhone

L'ipotesi è che il colosso di Cupertino abbia volontariamente programmato un precoce invecchiamento dei dispositivi