Venerdì 08 Settembre 2017 - 16:15

Si aggrappa all'auto del fidanzato dopo lite e muore travolta

E' successo a Mugnano (Napoli). La ragazza, 24 anni, è deceduta all'ospedale

Una storia drammatica e crudele. Una ragazza di 24 anni è morta dopo una lenta agonia in ospedale per un litigio con il suo fidanzato. La dinamica è ancora poco chiara. L'unico punto certo è che Alessandra Madonna stava litigando, a Mugnano, nel Napoletano, con il suo fidanzato che voleva troncare la loro storia.

La lite si è accesa e il ragazzo si è allontanato con la sua auto. In quel momento la giovane di Mugnano si è aggrappata alla portiera della vettura ed è stata trascinata per diversi metri. È arrivata in ospedale già in condizioni gravissime, in fin di vita con molti traumi e fratture. È morta oggi pomeriggio all'ospedale San Giuliano, a Giugliano.

È stato lo stesso ex compagno a trasportare la ragazza priva di sensi in ospedale. Per lui, che da stamattina è ai domiciliari con l'accusa di lesioni gravissime, si aggrava la posizione giudiziaria. Si profilerebbe l'accusa di omicidio colposo. Verrà ascoltato forse domattina dal magistrato.

La tragedia è poi continuata coinvolgendo la madre di Alessandra. Secondo i primi accertamenti degli investigatori, la donna - dopo aver appreso della morte della figlia - si è chiusa in macchina, in una strada di Varcaturo, e avrebbe tentato di uccidersi aprendo una bombola di gas da campo nell'abitacolo della vettura. A salvarla due passanti che hanno rotto il vetro dell'auto, l'hanno portata fuori e hanno chiamato i soccorsi. La donna è stata trasportata all'ospedale di San Giuliano, dove è ricoverata. Non è in pericolo di vita.

Il Comune di Melito ha proclamato il lutto cittadino per la scomparsa della 24enne. Ad annunciarlo è il sindaco della cittadina dell'hinterland settentrionale di Napoli, Antonio Amente. "Abbiamo pregato - scrive su Faceboook - sperato fino all'ultimo, che un miracolo potesse salvarle la vita, ma purtroppo il destino ha voluto che una nostra giovane concittadina venisse a mancare in modo tragico. Siamo stati in stretto contatto con i medici dell'ospedale San Giuliano - continua il sindaco - che hanno fatto di tutto per salvarle la vita. Per tutta la mattinata, nonostante la 24enne fosse giunta in ospedale in condizioni disperate, abbiamo desiderato che dall'altra parte del telefono ci arrivassero notizie positive ed invece poco fa ci è stato, purtroppo, comunicato il decesso. Sarà la magistratura a fare luce su quegli u"ltimi disperati momenti e non è mia intenzione commentare i fatti". "Ciò che voglio io e la comunità che rappresento è pregare per la sua anima e stare vicino alla famiglia ed agli amici di Alessandra - conclude il primo cittadino -. In attesa di conoscere giorno ed ora dell'esequie, con profondo dolore e commozione mio e dell'intera amministrazione, comunico che in quella data si osserverà il lutto cittadino".

Alessandra era una ballerina professionista. Dai sui profili social appare come una ragazza amante della vita, spesso in giro per locali con gli amici. Era appena rientrata da un viaggio a Cuba di cui aveva pubblicato diverse foto in compagnia di alcuni amici. Sul suo profilo facebook migliaia di commenti, di commozione e rabbia per la sua morte.

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto