Martedì 14 Marzo 2017 - 07:30

Sgominata una gang di 15enni: violentavano alcuni coetanei

A Vigevano sei arresti e quattro denunce. Immagini diffuse sui social

Sgominata una gang di 15enni: violentavano alcuni coetanei

Sgominata a Vigevano la baby gang delle stazioni ferroviarie. Il gruppo di 15enni violentava e picchiava le sue vittime. Prendevano di mira i soggetti ritenuti più deboli, incapaci di difendersi, scegliendoli tra compagni di classe o vicini di casa. In particolare una di queste vittime, uno studente 15enne, è stato oggetto di una vera e propria persecuzione giunta fino a violenze fisiche ed umiliazioni che venivano riprese con i telefonini per ridicolizzarlo con gli altri ed aumentare il suo stato di prostrazione. Quattro ragazzi sono stati arrestati e sei denunciati.

Loading the player...

La vittima è un ragazzo fragile, uno studente al primo anno di un istituto tecnico superiore, che è stato bersagliato da un gruppo di ragazzi con atti persecutori. La madre, avvertita da alcuni compagni di scuola su ciò che il figlio stava subendo, aveva cercato di allontanarlo da queste 'amicizie'. Il 'branco' era riuscito comunque a tenerlo ostaggio e il ragazzo veniva anche fotografato mentre subiva atti di bullismo e violenze. Le immagini venivano poi diffuse tramite Whatsapp, Twitter, Instagram, Facebook, Telegram e Imessage. 

Le violenze e le persecuzioni nei confronti  del 15enne, hanno raggiunto l'apice fra dicembre e gennaio, quando i 'bulli', dopo averlo braccato per strada lo hanno costretto a bere alcolici. In stato d’ebbrezza e di incapacità d’intendere e di volere, lo hanno portato in giro per la città legato ad una catena, prima al collo, poi al busto. In un'altra occasione la vittima è stata spogliata, tenuta appesa per le gambe a testa in giù, sospesa sopra un ponte, e costretta a subire atti sessuali, brutalizzandolacon l’utilizzo di una pigna e fotografando la violenza. 

I carabinieri di Vigevano, scoperta la vicenda, hanno convinto alcuni genitori a presentare denuncia. Poi hanno individuato i ragazzi e ne hanno arrestati quattro per concorso in violenza sessuale, riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù, pornografia minorile, violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato della vittima.

Il branco è formato da una decina di ragazzi di buona famiglia, figli di professionisti, commercianti, impiegati, operai. Cinque in particolari i più violenti: tre hanno 15 anni, uno ne ha 16, e c' è anche un tredicenne non imputabile. I 4 arrestati sono stati rinchiusi nell'Istituto Penale Minorile Cesare Beccaria di Milano.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, ingenti piogge e temperature in calo

Ancora nuvole, con piogge al Sud: il meteo del 23 e del 24 gennaio

Temperature stazionarie in tutta la penisola

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo