Venerdì 14 Aprile 2017 - 09:45

Sextape a Valbuena: Cissè indagato per tentato ricatto

Nella stessa vicenda è coinvolto anche il centravanti del Real Benzema

Sextape a Valbuena: Cissè indagato per tentato ricatto

L'ex attaccante francese Djibril Cissè è sotto inchiesta formale per il tentativo di ricatto con un sextape nei confronti del centrocampista del Lione Mathieu Valbuena. A riferirlo il quotidiano transalpino 'Le Parisien'. Il 35enne, nel 2011-12 meteora nella Lazio, è indagato da un tribunale di Versailles per concorso in tentato ricatto, che secondo i pm avrebbe avuto luogo nel 2015.

"Il signor Cissè prende atto dell'inchiesta e potrà ora dimostrare che non è in alcun modo coinvolto", ha detto l'avvocato Arnaud Pericard, citato dallo stesso Parisien. Nella medesima vicenda è coinvolto anche il centravanti del Real Karim Benzema, a lungo escluso per questo motivo dalla Nazionale francese. La punta ex Lione, che ha sempre negato ogni accusa, è stata reintegrata da Didier Deschamps nel settembre scorso.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"