Mercoledì 17 Agosto 2016 - 18:15

Rio, Setterosa vola in finale: è la 25/a medaglia azzurra

Le ragazze della pallanuoto sfideranno gli Stati Uniti, che hanno battuto l'Ungheria

Rio, Setterosa vola in finale: sconfitta la Russia 12-9. E' la 25/a medaglia per l'Italia

Il Setterosa si è qualificato per la finale del torneo di pallanuoto di Rio 2016. Le azzurre del ct Conti hanno sconfitto in semifinale la Russia 12-9. Grande protagonista del match Garibotti, autrice di cinque reti. Nella sfida decisiva per l'oro, le azzurre se la vedranno con gli Stati Uniti (le americane hanno sconfitto in semifinale l'Ungheria per 14-10). L'Italia si assicura la 25/a medaglia complessiva di questa edizione dei Giochi. L'altra medaglia virtuale è quella del beach volley maschile che, dopo aver superato la Russia, si scontrerà con il Brasile. L'ultima volta che il Setterosa salì sul podio risale ai Giochi di Atene 2004, conclusi con la vittoria dell'oro. 

SEGUI LA DIRETTA Italvolley punta a una medaglia / Live

"In questo momento mi vengono in mente tutti i sacrifici fatti, tutto il lavoro, gli anni di delusione in cui abbiamo pensato che non avremmo mai vinto niente". Teresa Frassinetti, centroboa del Setterosa, commenta così l'accesso alla finale olimpica guadagnato dopo il successo sulla Russia in semifinale. La genovese si è presentata ai cronisti visibilmente commossa: "Sono lacrime di gioia, veramente, voi vedete tutto questo ma dietro c'è tanto", spiega. "Era una semifinale, sapevamo che sarebbe stata una partita che sarebbe finita all'ultimo minuto". Testa già alla finale, dove le azzurre sfideranno la vincente di Ungheria-Stati Uniti: "Ora ricarichiamo le pile. Giocheremo per vincere".

"Nella mia testa mi rimbalza una frase dall'inizio, cioè quella di fare il torneo perfetto. Siamo alla ricerca del torneo perfetto da molto tempo, e chissà che non sia questo". Così Fabio Conti, commissario tecnico del Setterosa. "Era una semifinale olimpica, quindi sono sempre partite dure. Non c'è mai nulla di facile", ha spiegato. "La Russia nelle ultime due partite si è trasformata, battendo prima Spagna e facendoci fare ad inizio gara una doccia gelata che poteva tagliarci le gambe. Invece le ragazze sono state veramente eccezionali, con pazienza hanno risalito la china, costruito la gara, e gestito negli ultimi due tempi".

- "L'esultanza sul 12-8? Lì ho capito che la partita era chiusa. Si esulta perché si raggiunge un sogno che inseguono tutti gli atleti e gli allenatori, la finale olimpica", ha proseguito il mister azzurro. "Queste ragazze se la sono strameritata per il loro fantastico percorso di crescita in questo quadriennio. Finora hanno sempre avuto il giusto approccio, quindi non smettiamo di sognare. La giusta mentalità è quella di non pensare alla medaglia vinta, ma alla finale raggiunta. Sono ragazze temprate dalle forti emozioni, siamo pronti a tutto". Sulla preparazione alla sfida per l'oro: "Queste ragazze sono pronte per fare un altro torneo daccapo. Soprattutto quando si arriva ad una finale, se qualche energia manca, si ricarica da sé. Il mio compito non sarà quello di ricaricarle, ma solo di gestire le loro energie". "Abbiamo sfatato il tabù semifinale? No, nessun tabù. L'unico rischio - ha aggiunto Conti - tra quello di giocare da favoriti, perché normalmente quando arriviamo in questa parte dei tornei ci arriviamo da outsider". "Chi preferisco tra Stati Uniti o Ungheria? Chi viene, viene. La pallanuoto - ha detto - insegna che ci sono sorprese e in questo torneo ce ne sono state, noi pensiamo a noi stessi e a giocare la buona pallanuoto che abbiamo giocato fino a qui". Per il ct, sposato con l'ex pallanuotista russa Tatiana Lvova, è stato quasi un derby in famiglia: "Mia moglie e mio figlio l'hanno vista da San Pietroburgo. Ha preso i biglietti per andare stasera a teatro. Gli ho detto: Vai tranquilla, ti leggi il risultato dopo...".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crotone vs Genoa

Festa dello Sport, tante stelle in campo al Porto Antico di Genova

Da Perin a Quagliarella, fino alla ginnasta Carlotta Ferlito

Calcio a 5, le semifinali di Serie A su LaPresse

Came Dosson e Real Rieti provano a pareggiare i conti dopo le sconfitte in gara 1. Luparense e Acqua&Sapone vogliono subito la finale

Giro d'Italia 2018 - 4a tappa Catania - Caltagirone

Incidente al Giro d'Italia, auto forza sbarramento e investe motociclista: è grave

È accaduto poco prima dell'avvio della quinta tappa sulla statale 640 'Strada degli Scrittori' ad Agrigento

Pinot trionfa al Tour of the Alps. L’ultima tappa all'ucraino Padun

Il francese si prende la maglia ciclamino e lancia un messaggio in vista del Giro d’Italia. Tra gli italiani bene Pozzovivo e Aru, Quarto Froome