Domenica 22 Maggio 2016 - 09:00

Serracchiani: Referendum non è prova per partito della Nazione

Per la vicesegretaria del Pd non deve diventare un congresso anticipato

Debora Serracchiani

"Noi non stiamo facendo il referendum per fare il partito della Nazione o per allargare oltre il centrosinistra il campo del Pd, lo facciamo per cambiare il Paese. Quindi basta col congresso permanente". Lo dice la presidente del Friuli Venezia Giulia e vicesegretaria del Pd in una intervista a La Stampa, Debora Serracchiani. "Non si può fare del referendum - aggiunge - un congresso anticipato. E le tante riforme fatte come governo e come Pd vanno difese. Io non credo che la riforma costituzionale insieme all'Italicum determini un attacco alla democrazia o un rischio di autoritarismo. Dove si aumentano i poteri del premier?". Per quanto riguarda le amministrative, spiega, "io sono fiduciosa, siamo messi meglio di quanto si pensasse tempo fa: a Milano Sala ce la farà e ce la giochiamo anche a Roma, Giachetti sta facendo una campagna giusta, sobria e sul terreno concreto dell'amministrazione. E sulla Raggi l'aria è "più la conosci più cala nei sondaggi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti. Colle: "Problema non sono veti, ma diktat a Mattarella e premier incaricato"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi