Domenica 22 Ottobre 2017 - 20:00

Serie A, Udinese-Juventus 2-6: Khedira-Rugani-Pjanic e tanta rabbia

Vittoria enorme per il numero di gol ma soprattutto per la valenza psicologica

Udinese - Juventus

Quando sembrava che tutto stesse per precipitare nell'imbuto di una stagione maledetta, la Juventus ha cavato dal cilindro una vittoria enorme non tanto per la portata tecnica quanto per la valenza psicologica. Vittoria che si è materializzata in rimonta (per due volte) e, soprattutto, in inferiorità numerica per più di un'ora. E' difficile stabilire se quello di Udine possa essere considerato un punto di svolta per i campioni d'Italia, di sicuro è una di quelle prestazioni che lasciano e lanciano un segno positivo. Insomma, la Juventus c'è, anche se non è più (o ancora) quella del passato, anche se ha palesi difficoltà a gestire la fase difensiva, anche se gli infortuni ne stanno mortificando la cifra qualitativa. Sotto il diluvio, i bianconeri hanno tirato fuori il carattere antico, una rabbia agonistica fino ad ora non pervenuta sugli schermi del campionato: sei reti (a 2) non sono una banalità, a dispetto della inusitata morbidezza di un avversario molto deludente.

Siccome quest'anno nulla può e deve essere semplice per la Juventus, la partita di Udine è cominciata con la rete di Perica dopo 7 minuti (doppio errore di Rugani e Chiellini) e con la necessità di recuperare, più o meno come era accaduto contro lo Sporting mercoledì scorso, con la differenza che la quadra di Delneri non ha la medesima tenuta stagna e la stessa tignosità dei portoghesi. Così i campioni d'Italia hanno potuto imbastire la rimonta e il sorpasso sotto una pioggia battente, prima grazie a un autogol paradossale di Samir (14', corner di Dybala) e poi con in colpo di testa in tuffo di un liberissimo Khedira. C'è stato anche spazio per un palo di Higuain, il quale deve aver capito che in questo periodo la porta potrebbe esser larga addirittura 15 metri che non riuscirebbe a sbatterla dentro. Però il Pipita è in netta ripresa e lo si è visto.

Se Mandzukic non avesse trovato il modo di farsi cacciare dall'arbitro Doveri dopo nemmeno mezz'ora, il rinascimento bianconero sarebbe stato persino più agevole, invece - in inferiorità numerica - per un po' si è giocata una gara completamente diversa. La Juventus si è avvitata su un 4-3-2 abbastanza posticcio, l'Udinese ha preso a spingere e a creare occasioni su occasioni: Buffon è tornato santo due volte su Jankto e un su un tirocross di Halfredsson.  Al netto di alcune prestazioni più in linea con le aspettative (ad esempio Cudrado, Pjanic, Khedira e Higuain), la fase difensiva della Juventus ha continuato a lasciare perplessi, tra buchi e amnesie, mentre in attacco perdura l'opacità di Dybala. Sulle corsie esterne, ha provato a spingere Alex Sandro con alterne fortune, mentre Lichtsteiner ha lasciato a un indiavolatissimo Cuadrado il compito di compiere le incursioni a destra.

Il paradosso è emerso grande e grosso quando la Juventus è stata raggiunta dal gol di Danilo (2' della ripresa, colpo di testa su cross di Jankto) e invece di andare in apnea agonistica, la formazione di Allegri ha tirato finalmente fuori il meglio di se stessa. Con orgoglio e coraggio si è riportata avanti quasi subito, sfruttando l'elevazione di Rugani e mettendo al sicuro la vittoria con Khedira, tutto tra il 7' e il 14'. La tripletta del tedesco,  a tre minuti dal sipario, non ha spostato il risultato ma gli umori generali sì. Il sesto gol di Pjanic, infine, ha dato al successo di Udine le dimensioni del tripudio. I campioni d'Italia ne avevano bisogno.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Serie A - Sampdoria vs Juventus

Dybala: "Juventino a vita? Non posso prometterlo"

L'attaccante argentino parla del suo sogno nel cassetto ("Il Pallone d'oro") di Buffon e di Messi

Udinese - Cagliari

Salta la panchina dell'Udinese. Al posto di Delneri in arrivo Oddo

Decisiva la sconfitta casalinga con il Cagliari. E' il quarto cambio di allenatore in serie A

Sampdoria - Juventus

Juve, è caccia all'errore. All'origine della crisi disagi palpabili e troppi acquisti sbagliati

Con la Samp quarta sconfitta stagionale. Tanta confusione sotto il cielo. Allegri deve mettere ordine: a partire dal Barca

Serie A - Sampdoria vs Juventus

Buffon e l'addio al calcio: "Smetto a fine stagione, proverò a vincere la Champions"

Il portiere della Juventus e della Nazionale: "Non ho paura di ritirarmi. Sono curioso di ciò che mi riserverà la vita"