Domenica 27 Agosto 2017 - 23:00

Serie A, Suso pennella e Milan risponde alle big: Cagliari ko

A San Siro è 2-1: agli ospiti non basta la rete di Joao Pedro

Milan - Cagliari  - Campionato italiano di calcio Serie A TIM 2017-18

Juve, Inter e Napoli chiamano, il Milan risponde. Il Cagliari cade 2-1 a San Siro. Cutrone firma il vantaggio rossonero al 10', pari di Joao Pedro al 56' e al 70' ecco la pennellata di Suso. Nel Milan tornano i titolari, Montolivo si prende le chiavi del centrocampo affiancato da Kessié e Çalhanoglu. Cutrone parte accanto a Suso e Borini. Panchina per André Silva e il neo arrivato Kalinic. I sardi rispondono con un 4-3-1-2, con Joao Pedro alle spalle di Farias e Sau in avanti. Il primo brivido al 4': girata di Cutrone spalle alla porta, Cragno blocca sul primo palo. Le prove del gol, perché sei minuti dopo Conti pesca vicino alla linea di fondo Suso, che mette in area. Cutrone è uno sparviero e con l'esterno da due passi spinge in rete. Il suo momento di grazia continua: secondo centro in campionato dopo i due in Europa League. La risposta del Cagliari al 22': difesa del Milan sorpresa, Sau con una girata in scivolata in area, davanti a Rodriguez, stampa il pallone sul palo.

Dopo i primi 25' minuti di marca milanista, è il Cagliari a farsi vedere in avanti. Le gambe, che sembravano tremare ai ragazzi di Rastelli nelle prime fasi della partita, adesso mulinano a meraviglia e Donnarumma ha qualche patema. Prima Joao Pedro sfiora la traversa con il destro, poi lampo di Barella da sinistra e il 99 del Milan controlla. Dall'altra parte, sinistro a giro di Suso troppo debole per impensierire Cragno. Sta di fatto che Montella non è contento e Donnarumma allarga le braccia per cercare di svegliare i suoi compagni. Al 37' San Siro trema: corpo a corpo fra Joao Pedro e Bonucci in area, Pairetto lascia correre. Niente Var: qualche dubbio resta. Ancora, Cigarini spara da fuori e Bonucci esce al limite per deviare in angolo. La reazione del Milan subito dopo: Cutrone spazza di forza sul primo palo con il destro e trova Borini, che si fa 50 metri palla al piede e impegna Cragno con un gran destro. Poco dopo altro tentativo di Cutrone sfiorato solo di tacco da Musacchio controllato dal portiere rossoblù. Gli assalti del Cagliari proseguono con un destro di Farias deviato sul fondo da Rodriguez. Milan un po' in affanno. Nella ripresa, rientra con il testa in partita ma il Cagliari non alza bandiera bianca.

Anzi, al 56', Kessié perde una palla sanguinosa davanti ai 16 metri, la difesa rossonera balla, Barella mette in mezzo per Joao Pedro, che fa sua la palla e lascia impietrito Donnarumma. Poi protesta il Milan al 60': Kessié vuole farsi perdonare, s'incunea in area e finisce a terra, ma Pairetto non fischia e San Siro s'imbufalisce. Montella cambia: esordio per Biglia, fuori Çalhanoglu. Montolivo si sposta sul centro-sinistra. Una scossa per i padroni di casa. Minuto 70: Suso va a giro su punizione da 20 metri e trova l'angolino alla sinistra di Cragno. A meno di un quarto d'oro dalla fine, Cop sostituisce Joao Pedro acciaccato e arriva il momento di Kalinic, accolto da applausi che inondano Cutrone che gli lascia il campo. Poco dopo squillo di Sau, Donnarumma respinge. A tre minuti dalla fine, Kessié segna ma Pairetto annulla per un fallo precedente. Ci sono 9' di recupero, San Siro rumoreggia. Soffre un po', ma a fine gara può vedere il Milan di nuovo vincente.

Scritto da 
  • Luca Rossi
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cagliari Calcio vs Atalanta

Cagliari salvo: 1-0 all'Atalanta, orobici in E. League da settimi

Decide la partita un colpo di testa di Ceppitelli, quando la gara sembrava ormai indirizzata verso lo 0-0

Milan vs Fiorentina

Milan pokerissimo che vale sesto posto: Fiorentina ko 5-1

Vittoria in rimonta per il Diavolo, che va sotto ma reagisce alla grande ed ottiene un meritatissimo successo

FBL-ITA-CUP-JUVENTUS-MILAN-FINAL

Calcio, dai 9 scudetti al record imbattibilità: i numeri di Buffon

Oltre 20 anni di carriera iniziata a Parma e 17 stagioni con la Juve con cui ha ottenuto 19 trofei: nessun bianconero ha fatto meglio di lui