Domenica 07 Maggio 2017 - 18:45

Serie A, la moviola della 35esima giornata

I principali casi di questa giornata

Serie A, la moviola della 35esima giornata

I principali casi da moviola delle partite valide per la 35/a giornata di Serie A.

UDINESE-ATALANTA 1-1 (arbitro Di Bello) - Errore al 37' del primo tempo quando l'arbitro non espelle Raimondi, già ammonito per un fallo su Jankto, per un intervento irregolare sulla gamba di Zapata senza possibilità di colpire il pallone. Regolari invece entrambe le reti di Perica e Cristante. A dieci minuti dalla fine Udinese ancora penalizzata: Toloi infatti intercetta il tiro dal limite di Kums con il braccio sinistro staccato dal corpo.

CHIEVO-PALERMO 1-1 (arbitro Serra) - Nella ripresa Pellissier porta avanti i veronesi su rigore per un fallo commesso da Bruno Henrique su Inglese appena dentro l'area. Nel quinto e ultimo minuto di recupero Goldaniga, già autore dell'1-1, segna ancora di testa ma l'arbitro annulla correttamente per fuorigioco.

EMPOLI-BOLOGNA 3-1 (arbitro Calvarese) - Buona prestazione del fischietto di Teramo che ricorre ai cartellini solo per gli interventi più duri. Regolare in avvio ripresa la rete del 3-1 di Costa.

GENOA-INTER 1-0 (arbitro Damato) - Al 5' manca un penalty al Genoa. Simeone, scattato in posizione regolare, viene colpito da dietro da Medel. L'arbitro concede il corner, ma c'erano gli estremi per la massima punizione. Nella ripresa giusta la valutazione sul rigore fischiato all'Inter e poi sbagliato da Candreva. Sul tiro di Perisic infatti il braccio di Burdisso è decisamente largo. Da regolamento è corretta anche l'espulsione di Kondogbia per proteste.

LAZIO-SAMPDORIA 7-3 (arbitro Mazzoleni) - Regolare la posizione di Keita al 3' in occasione del vantaggio dei padroni di casa. La gara gira attorno all'episodio del 19'. Skriniar atterra Keita stendendolo con una gamba e con il braccio. Giusto il rigore e il rosso per la chiara occasione da rete. Corretto anche il secondo penalty fischiato alla Lazio per uno sgambetto di Regini su Lulic, e quello concesso ai blucerchiati per il fallo di Wallace su Torreira.

PESCARA-CROTONE 0-1 (arbitro Russo) - Sul finire del primo tempo i padroni di casa reclamano un rigore per un presunto fallo di Ceccherini su Caprari, ma il difensore anticipa l'avversario colpendo il pallone. Nella ripresa a un quarto d'ora dalla fine espulso Benali per proteste dopo un contatto con Capezzi dentro l'area. Il tocco c'è, ma anche lo sfondamento del giocatore abruzzese.
 

Scritto da 
  • redazione
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Diritti tv, fumata nera in Lega. Tavecchio: "Obiettivo base d'asta"

Tutte le offerte erano al di sotto della soglia di un miliardo e 50 milioni di euro a stagione. Venerdì una nuova assemblea

FIGC, Consiglio federale a Roma

Figc, un ticket con Gravina? Tommasi non lo esclude

Grandi manovre verso il voto del 29. Tutti cercano di evitare elezioni con tre candidati. Nicchi (arbitri): "In quel caso, non voteremmo"

Serie A - Inter Milan vs Lazio

Il Var funziona: "Mille interventi e solo l'1% di errori in 210 gare"

Presentata da Nicchi e Rizzoli un'analisti approfondita: solo in 7 casi errore decisivo. E il tempo di consultazione è sceso a 29 secondi