Domenica 22 Gennaio 2017 - 17:30

Serie A, Inter non si ferma più: lampo Joao Mario, Palermo ko

Pioli ingrana la sesta e supera anche il Milan issandosi al quinto posto

Serie A, Inter non si ferma più: lampo Joao Mario, Palermo ko

Poteva essere il Palermo disastrato che Corini coraggiosamente sta cercando di rimettere in piedi a fermare la marcia trionfale dell'Inter? In quella Sicilia rosanero che gli fu amara, con tanto di esonero prima ancora che iniziasse il campionato, Pioli ingrana la sesta e supera anche il Milan issandosi al quinto posto. C'è voluta però più di un'ora e tanta fatica per centrare il sesto successo di fila in campionato e cacciare le ombre che si stavano addensando sul Barbera. C'è voluta una mossa dalla panchina, l'ingresso di Joao Mario al posto di Banega, e c'è voluta la capacità di saper soffrire e gestire il risultato, ridotta in 10 nei minuti finali per l'espulsione di Ansaldi. Massimo risultato, anche massimo sforzo ma va bene così: la classifica sorride e la corsa continua.

Il primo tempo evidenzia le difficoltà interiste a scardinare un Palermo tutto anima e coraggio. E' proprio dei siciliani la prima occasione in avvio quando Nestorovski si fa chiudere da Murillo sull'ottimo suggerimento di Rispoli ma per tutti i primi 45' non si vede proprio il gap tra le due squadre. Candreva e Icardi provano a scuotere l'Inter ma ci si aspettava di più. Vero è che le occasioni migliori sono targate Inter con Posavec chiamato a due grandi interventi su Candreva e Brozovic e che il finale di tempo vede il forcing nerazzurro con Icardi che manda alto su punizione ed altra palla gol in pieno recupero con Banega che prova la saetta da fuori re Cionek che si immola e respinge e subito dopo con Perisic che sfiora il palo ma serve altro per superare il Palermo. La mossa che s'inventa Pioli è togliere Banega ed inserire Joao Mario dopo 10' ed i frutti si vedono al 20'. Bravissimo il portoghese ad attaccare lo spazio sul cross dalla destra di Candreva e a trafiggere Posavec da pochi passi approfittando di un'incertezza di Henrique. L'Inter capisce che non è il caso di osare troppo e arretra il baricentro, Corini tenta la carta Diamanti.

Il finale è infuocato: l'Inter resta in dieci per l'espulsione di Ansaldi, al secondo cartellino giallo. Pioli protesta e viene anch'egli allontanato dal campo. Il Palermo ci crede: sotto una pioggia battente che ha tormentato buona parte della gara il finale è vibrante con i nerazzurri che si chiudono a riccio (entra anche Santon per Candreva) ma il risultato non cambia. L'ultima nota è l'espulsione di Gazzi per doppia ammonizione.

Scritto da 
  • redazione web/Italia Media
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter - Roma

Dzeko verso il Chelsea tra dubbi e ripensamenti. Inter Rafinha è ufficiale

Continua la trattativa della Roma con i "Blues": sembra vicina l'intesa sul prezzo, ma il giocatore non sarebbe del tutto sicuro

Diritti tv, fumata nera in Lega. Tavecchio: "Obiettivo base d'asta"

Tutte le offerte erano al di sotto della soglia di un miliardo e 50 milioni di euro a stagione. Venerdì una nuova assemblea

Inter - Roma

Le pagelle di Inter-Roma: Alisson dei miracoli, disastro Santon

Il portiere di gran lunga il migliore in campo. Bene anche Skriniar e El Shaarawy. Male Bruno Peres

Inter - Roma

Inter-Roma, finisce 1-1 lo spareggio di Champions League

Segnano El Shaarawy e Vecino. Grandi parate di Alisson che tiene avanti i giallorossi fino all'85'. Partita non bella ma molto combattuta