Venerdì 05 Gennaio 2018 - 19:45

Serie A, gol e autogol del Chievo: finisce pari il derby del Triveneto

Chievo-Udinese 1-1 nel primo anticipo della 20esima giornata del campionato di Serie A. Rete di Radovanovic al 9' e autorete di Tomovic al 41'

Chievo Verona - Udinese

Termina con un punto a testa il match fra Chievo e Udinese, con i gialloblù che salgono a quota ventidue in classifica mettendo fieno in cascina dopo tre sconfitte consecutive e con gli ospiti che rimangono in zona Europa League a quota ventotto.

Parte decisamente meglio la squadra di Maran, mentre l'undici di Oddo appare piuttosto imballato rispetto alle ultime uscite. Dopo soli quattro minuti Stepinski stacca su corner di Birsa ma trova l'eccezionale riflesso di Bizzarri che sventa la minaccia. Al nono però i clivensi passano: fucilata di sinistro di Radovanovic da fuori area e palla che si infila nell'angolo alto alla destra del portiere per un primo gol del 2018 da cineteca.

Sei minuti dopo il Chievo trova anche il raddoppio, con Cacciatore che interviene di testa su una punizione pennellata da Birsa mettendo in rete, con l'arbitro che convalida ma è il VAR a far annullare la segnatura per una posizione di fuorigioco. Per i friulani è una manna dal cielo perché li sveglia dal torpore. I bianconeri cominciano ad avanzare il proprio baricentro, anche se sono sempre i padroni di casa ad essere più pericolosi, prima con una girata di Pucciarelli ribattuta e poi con un altro tiro di Radovanovic parato in due tempi da Bizzarri.

Al quarantunesimo però a sorpresa arriva il pareggio dell'Udinese: Pezzella dalla sinistra lascia partire un innocuo cross rasoterra verso il centro dell'area di rigore e Tomovic goffamente infila la propria porta beffando Sorrentino per il più classico degli autogol. Al riposo il punteggio è di uno a uno.

Nella ripresa è sempre il Chievo a fare la partita andando subito alla conclusione con Pucciarelli che impegna Bizzarri, mentre dall'altro lato del campo è Lasagna a chiamare all'intervento Sorrentino. L'Udinese attende paziente e prova a colpire di rimessa, ma i tentativi verso la porta avversaria arrivano solamente dalla distanza, prima con Samir e poi con Pezzella, ma in entrambi i casi il pallone si perde ampiamente sul fondo.

Maran manda in campo anche l'esperto Pellissier ma la partita perde di ritmo e le due squadre sembrano accontentarsi del punto, specie perché comincia a subentrare stanchezza nelle gambe, anche se alla mezz'ora Jantko spreca una buona occasione dopo una ripartenza veloce in superiorità numerica dopo un assist di De Paul. Nei minuti finali emozioni da una parte e dall'altra, prima con una punizione di Birsa dalla lunga distanza che Bizzarri riesce a bloccare in due tempi e poi con Lasagna che dopo una bella azione personale calcia senza trovare lo specchio della porta. Al terzo di recupero arriva anche il primo giallo del match, per Barak, a chiudere una gara equilibrata e corretta. 

TABELLINO CHIEVO-UDINESE 1-1

RETI: 9' pt Radovanovic (C), 41' pt aut. Radovanovic (U).

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino: Cacciatore, Bani, Tomovic, Gobbi; Bastien, Radovanovic, Hetemaj; Birsa (dal 45' st Leris); Pucciarelli (dal 30' st Garritano), Stepinski (dal 23' st Pellissier). A disp. Seculin, Confente, Cesar, Dainelli, Rigoni, Gaudino, Jaroszynski, Depaoli. All. Maran.

UDINESE (3-5-2) - Bizzarri; Nuytinck, Danilo, Samir; Widmer, Fofana (dal 40' st Hallfredsson), Jankto, Barak, Pezzella (dal 42' st Larsen); De Paul (dal 31' st Perica), Lasagna. A disp. Scuffet, Borsellini, Bochniewicz, Pontisso, Ingelsson, Balic, Pontisso, Maxi Lopez, Ewandro, Bajic. All. Oddo. Arbitro: Chiffi di Padova. Note: ammonito Barak (U).

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Udinese - Bologna

L'Udinese resta in serie A. Brutta stagione, grazie Fofana

Un gol dell'ivoriano al Bologna chiude un girone di ritorno travagliato (11 sconfitte consecutive) e dà la salvezza alla squadra di Tudor

Chievo vs Benevento - Serie A 2017-2018

Il Chievo si salva con Inglese. Battuto un buon Benevento

I veneti chiudino a quota 40 un brutto campionato. Ancora una prova dignitosa dei campani di De Zerbi