Venerdì 22 Dicembre 2017 - 20:30

Serie A, Bologna passa 3-2 al Bentegodi: Chievo ko, Destro-Verdi show

Gol a grappoli e ribaltoni fino al 90'

Chievo Verona - Bologna

Un super Destro, gol a grappoli e ribaltoni fino al 90'. Il Bologna si aggiudica il match contro il Chievo passando 3-2 nel finale al 'Bentegodi' al termine di una partita bellissima e ricca di emozioni che ha aperto la 18/a giornata di Serie A.

Gli emiliani riscattano così le due sconfitte in fila contro Milan e Juventus confermando di poter ambire a un tranquillo campionato da metà classifica, mentre i veneti incassano la terza sconfitta nelle ultime quattro gare: un piccolo campanello d'allarme per Maran, anche se i clivensi restano al momento in zona di sicurezza. I padroni di casa scendono in campo con un 4-3-1-2 con Birsa dietro le due punte Pucciarelli-Inglese. Dall'altra parte Donadoni, costretto a rinunciare a Palacio, punta su Krejci come esterno d'attacco nel tridente completato da Destro e Verdi. Rifiata anche Donsah: dal 1' c'è Nagy. Pronti-via e i felsinei sono già avanti. Al 4' Destro salta più in alto di tutti sugli sviluppi di un calcio d'angolo e supera Sorrentino. La risposta del Chievo non tarda ad arrivare: girata di Inglese e parata in due tempi di Mirante. Poco dopo ennesima traiettoria insidiosa disegnata da Verdi su palla inattiva: Sorrentino si salva con l'aiuto del palo. Il portiere è protagonista anche al 26', quando Krejci di testa - imbeccato dall'imprendibile Verdi - colpisce in maniera troppo timida di testa. I veneti rispondono colpo su colpo e, dopo un paio di tentativi di Inglese e Gamberini, trovano il pareggio proprio con l'attaccante promesso sposo del Napoli, anche in questo caso sugli sviluppi di un corner battuto da Birsa.

Sulle ali dell'entusiasmo per il pareggio il Chievo va vicino al ribaltone al 36' con un colpo di testa di Cacciatore, sempre su palla inattiva, ma Mirante dice no. Così come Sorrentino, che in pieno recupero nega la gioia del gol a Verdi murandone il tiro a giro. Le occasioni fioccano anche nella ripresa. Ed è di nuovo la squadra rossoblù ad uscire meglio dai blocchi di partenza. Al 5' infatti il Bologna è di nuovo avanti: conclusione dalla distanza di Masina, Sorrentino pasticcia e Verdi ringrazia. Eccezion fatta per un tentativo senza troppe preste di Hetemaj la squadra di Donadoni sembra poter gestire il vantaggio, anzi al 21' sfiora il colpo del ko con Verdi, il cui pallonetto viene allontanato provvidenzialmente da Gamberini.

Sul fronte opposto un altro salvataggio disperato - questa volta di Maietta - evita il 2-2 di Pellissier, liberato davanti al portiere da Birsa. A dieci dalla fine gli ospiti rimangono in dieci per l'espulsione di Poli per doppia ammonizione: il Chievo ne approfitta, sfiora il pari in due situazioni con Inglese, e al 40' trova infine 2-2 con Cacciatore, che da posizione defilata disegna una traiettoria impossibile e supera Mirante. La partita sembra incanalata verso i binari del pareggio ma proprio al 45' accade l'impensabile: Cacciatore scivola e perde il pallone, Destro si invola e non sbaglia solo davanti a Sorrentino. Il Bologna vince in inferiorità numerica e si rialza, al Chievo non restano che i rimpianti (e un gol annullato in pieno recupero allo stesso Cacciatore per fuorigioco).

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FOTO EMBLEMATICHE PROBLEMI CALCIO IN ITALIA

Diritti tv, altra fumata nera in Lega A: non passa risoluzione con MediaPro

I cinque club astenuti hanno chiesto di aggiornare la discussione a lunedì 28 maggio

FBL-ITA-CUP-JUVENTUS-MILAN-FINAL

Calcio, dai 9 scudetti al record imbattibilità: i numeri di Buffon

Oltre 20 anni di carriera iniziata a Parma e 17 stagioni con la Juve con cui ha ottenuto 19 trofei: nessun bianconero ha fatto meglio di lui

Atalanta - Genoa

Calciomercato, Inter punta Ilicic. Perin dice sì a Juve

L'accesso alla Champions potrebbe determinare il futuro di Mauro Icardi