Mercoledì 20 Dicembre 2017 - 11:15

Sequestrati beni per due milioni di euro alla famiglia Casamonica

Ditte, appartamenti, ristoranti e anche un cavallo da corsa

Sequestrati beni del valore di 2 milioni di euro a sei persone appartenenti alla famiglia dei Casamonica. Il decreto, eseguito dai finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Roma, è stato emesso dalla Direzione distrettuale antimafia.

Il provvedimento scaturisce da indagini condotte dagli specialisti del Gico. Gli indagati hanno precedenti per associazione a delinquere, usura, estorsione, truffa e traffico di droga e armi. Nonostante i modesti redditi dichiarati al fisco avevano abitudini da ricchi, compresa una costosa passione per i cavalli da corsa: non a caso tra i beni sequestrati c'è anche un purosangue di razza inglese. "La sproporzione tra la capacità reddituale e il tenore di vita, unita alla qualificata pericolosità sociale dei proposti - scrivono gli inquirenti - ha permesso di richiedere ai sensi del codice antimafia il sequestro finalizzato alla confisca dell'intero patrimonio direttamente o indirettamente riconducibili ai medesimi".

I beni sequestrati comprendono quattro società e una ditta individuale tutte operanti nel commercio di auto vetture; un ristorante; un cavallo da corsa; nove appartamenti; rapporti finanziari. Il tutto per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro.

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Calabria, ucciso a colpi di pistola in spiaggia a Nicotera Marina

Omicidio in spiaggia a Nicotera: si costituisce presunto killer

Francesco Timpano era stato freddato in un noto lido balneare il 12 agosto scorso

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: otto morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Cinque dispersi, 23 salvati

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"