Mercoledì 20 Dicembre 2017 - 11:15

Sequestrati beni per due milioni di euro alla famiglia Casamonica

Ditte, appartamenti, ristoranti e anche un cavallo da corsa

Sequestrati beni del valore di 2 milioni di euro a sei persone appartenenti alla famiglia dei Casamonica. Il decreto, eseguito dai finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Roma, è stato emesso dalla Direzione distrettuale antimafia.

Il provvedimento scaturisce da indagini condotte dagli specialisti del Gico. Gli indagati hanno precedenti per associazione a delinquere, usura, estorsione, truffa e traffico di droga e armi. Nonostante i modesti redditi dichiarati al fisco avevano abitudini da ricchi, compresa una costosa passione per i cavalli da corsa: non a caso tra i beni sequestrati c'è anche un purosangue di razza inglese. "La sproporzione tra la capacità reddituale e il tenore di vita, unita alla qualificata pericolosità sociale dei proposti - scrivono gli inquirenti - ha permesso di richiedere ai sensi del codice antimafia il sequestro finalizzato alla confisca dell'intero patrimonio direttamente o indirettamente riconducibili ai medesimi".

I beni sequestrati comprendono quattro società e una ditta individuale tutte operanti nel commercio di auto vetture; un ristorante; un cavallo da corsa; nove appartamenti; rapporti finanziari. Il tutto per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"