Mercoledì 01 Giugno 2016 - 12:45

Sequestra la donna di cui si è invaghito ma il figlio la salva

L'autore del rapimento è stato arrestato in mattinata in Calabria

Sequestra la donna di cui si è invaghito ma il figlio la salva

Ieri sera una 40enne rumena residente a Milano si era presentata a un appuntamento in città con un uomo invaghitosi di lei, e lui, kosovaro B. D. di 49, l'ha caricata in auto minacciandola con un coltello. Ha messo in moto la sua Golf entrando in autostrada e si è diretto a Sud, molto probabilmente verso il campo nomadi di Contrada Pantanelli a Siracusa. "Ti porto in Sicilia così ti faccio vedere come muore una persona", le avrebbe detto. Poteva finire in tragedia, ma l'intervento del figlio 19enne della donna, preoccupato dall'assenza da casa della madre, ha evitato il peggio. La notte di paura è terminata questa mattina in provincia di Cosenza, con l'arresto del 49enne per sequestro di persona.

 Il ragazzo nel cuore della notte ha chiamato il 113: conosceva l'uomo con cui la sera prima era uscita la mamma, che aveva già un compagno ufficiale. Sa anche che il conoscente si era invaghito di lei, il suo temperamento possessivo era noto e aveva paura che le potesse fare del male. Erano le 3, il telefono della 40enne inoltre risultava spento, e il giovane era nel panico. Immediato l'intervento della polizia di Stato: una volante ha raggiunto l'abitazione del giovane, in zona Lambrate a Milano, che nel frattempo era stato ricontattato dalla madre. Dall'altra parte della 'cornetta' la donna ha detto di stare bene ma ha fatto cenno alla minaccia col coltello, e il 19enne ha sentito in sottofondo il 49enne kosovaro dire che l'avrebbe portata a Sud, in Sicilia, per mostrarle "come si uccide una persona". A quel punto la ricerca della polizia ha preso una direzione ben precisa, e dalla questura di Milano è stata chiesta la collaborazione dei vari commissariati della polizia stradale dello Stivale affinché monitorassero l'autostrada. Gli investigatori hanno attivato un pedinamento informatico sul telefono della donna, che è stato 'agganciato' a San Valentino Torio, in provincia di Salerno.

Alle 10 di questa mattina la fine dell'incubo: la stradale di Lamezia Terme blocca l'auto a Frascineto, in provincia di Cosenza, e il 49enne finisce in manette per sequestro di persona. L'uomo non è nuovo a simili comportamenti: a fine novembre 2003 aveva sequestrato e rapinato la ex moglie slava: la obbligava a prostituirsi e l'aveva chiusa 'in casa' nel campo nomadi di Masini in provincia di Firenze. La donna era riuscita a recuperare un telefono cellulare e a chiamare 113, e B. D. era stato arrestato dagli agenti di Pescara.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maltempo, il fiume Enza rompe gli argini e allaga la frazione di Brescello

Il tempo migliora, scendono i fiumi e si contano i danni. In arrivo altre due perturbazioni

Ancora qualche zona in allarme rosso. Nel weekend, però arrivano pioggia, neve a bassa quota e tanto freddo

Trenord, deraglia un treno nei pressi della stazione di Pioltello

Attraversano al passaggio a livello, travolti due anziani a Cesano Maderno

Marito e moglie di 78 e 75 anni. Le sbarre erano abbassate. Forse lui ha perso il cappello e lei si è chinata a raccoglierlo mentre arrivava il treno

Corteo del movimento di destra Forza Nuova nellle vie del quartiere EUR

Riorganizzazione fascista: perquisiti militanti di estrema destra a Varese

Lo scorso novembre il movimento Do.Ra ha commemorato con i colori della bandiera nazista per i morti dell'esercito tedesco, e non era la prima volta

Silvio Berlusconi incontra i cittadini ai gazebi di Forza Italia a Milano

Uccise un ladro a colpi di pistola: archiviata accusa di omicidio

L'episodio risale all'ottobre 2015. La vittima era un 22enne albanese. Il giudice: "È stata legittima difesa"