Giovedì 14 Gennaio 2016 - 13:15

Senato, via libera allo ius soli sportivo

I minori stranieri residenti in Italia potranno essere ammessi nelle società sportive

Dal Senato via libera allo ius soli sportivo

Il Senato ha dato il suo sì definitivo al disegno di legge sull'integrazione sociale minori stranieri residenti in Italia mediante ammissione in società sportive, cosiddetto 'ius soli sportivo'.  "E' un piccolo ma importante e concreto passo in avanti per il progresso della nostra società", afferma il senatore del Pd Vannino Chiti dopo il voto dell'aula. "Adesso - aggiunge - i minorenni residenti in Italia a partire dai dieci anni di età potranno essere tesserati con le stesse regole che valgono per i ragazzi italiani. Lo sport è un formidabile strumento di integrazione per i giovani. Con l'approvazione di questo provvedimento allarghiamo gli orizzonti e le potenzialità del nostro movimento sportivo e la convivenza nel nostro Paese".

"Solo la Lega Nord ha votato contro lo ius soli sportivo, vero cavallo di Troia della sinistra per introdurre anche in Italia lo ius soli", ha dichiarato invece Gianmarco Centinaio, capogruppo del Carroccio al Senato. "Siamo contrari - spiega - a qualsiasi apertura che snaturi non solo la nostra cultura e civiltà ma, nel caso specifico, abbiamo lottato con tutte le forze per evitare che fossero penalizzati i nostri vivai giovanili".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, revoca della concessione ad Autostrade. Salvini: "Prima i soldi, poi parliamo". Di Maio: "No, acceleriamo"

Scontro tra i due vicepremier, anche se la Lega assicura: "Piena sintonia". I mercati puniscono Atlantia