Lunedì 25 Luglio 2016 - 13:45

Sei mesi fa la scomparsa di Giulio Regeni in Egitto

Manifestazione a Roma per chiedere verità sulla morte

Sei mesi fa la scomparsa di Giulio Regeni in Egitto

Una manifestazione nel centro di Roma, stasera alle 19, per chiedere, a sei mesi dalla sua scomparsa, verità per Giulio Regeni. L'annuncia Amnesty international, lanciando un appello a partecipare a tutti i cittadini. L'appuntamento per chi vorrà partecipare è alle 19.00 in piazza della Rotonda. "Lunedì 25 luglio - scrive l'organizzazione - saranno trascorsi sei mesi dalla scomparsa di Giulio Regeni al Cairo. Nonostante siano passati 180 giorni, la verità su quanto accaduto al giovane ricercatore italiano è ancora lontana". Per continuare a chiedere 'Verità per Giulio Regeni' Amnesty International Italia, Antigone e la Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili hanno organizzato una mobilitazione in piazza della Rotonda, a Roma, di fronte al Pantheon.

"Il 25 luglio alle 19.41, orario della scomparsa di Giulio Regeni, tante fiaccole saranno accese per ribadire la necessità di fare luce sulla sua terribile morte", spiegano Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e Cild e Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone