Martedì 13 Dicembre 2016 - 10:30

Segretario Cnel: Non siamo la casa dei sindacati

L'organo non è stato eliminato grazie alla bocciatura del referendum

Segretario Cnel: Salvi dopo referendum? Non siamo casa dei sindacati

"Il Cnel non è la casa dei sindacati. E' la casa in cui si incontrano tutte le forze produttive di questo Paese: i datori di lavoro, gli imprenditori che vogliono investire i propri soldi, i rappresentanti dei lavoratori che ci spiegano come difendere i posti di lavoro, il terzo settore, i rappresentanti del volontariato e del non-profit, i professionisti, gli artigiani, tutti quelli che hanno voce in capitolo per portare avanti il sistema Paese". A parlare è il segretario generale del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, Franco Massi, dopo che la bocciatura del referendum ha evitato la prevista cancellazione dell'istituto. "Bisogna ragionare del nuovo ruolo del Cnel, ma sono convinto - ha aggiunto - che serva una attenzione sempre maggiore ai principali problemi del Paese che non consentono all'Italia di svilupparsi appieno". "Il Cnel, per chi ama navigare su Internet, è un acronimo che ha raggiunto l'apice delle citazioni in questo ultmo mese, il tanto vituperato Cnel", ha ironizzato Massi, "che il popolo italiano abbia voluto salvare o meno il Cnel non sta a me dirlo. Ma ha un rango costituzionale e se lo tiene ben stretto", che gli "conferisce una indipendenza" grazie alla quale può affrontare temi complessi e spinosi.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo ma non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie