Martedì 07 Febbraio 2017 - 18:30

Scuola, 54,6% ragazzi sceglie licei, uno su tre istituti tecnici

Secondo il Miur il 69% delle famiglie ha fatto domanda da casa

Scuola, Miur: 54,6% ragazzi sceglie licei, uno su tre istituti tecnici

Licei ancora una volta in testa alle preferenze delle studentesse e degli studenti. Seguono i Tecnici e i Professionali. Le iscrizioni on line alle classi prime si sono chiuse ieri sera alle 20. I primi dati elaborati dal Ministero - seguirà un apposito focus completo - confermano il trend di crescita degli indirizzi liceali, scelti dal 54,6% delle ragazze e dei ragazzi. Il 30,3% ha optato per un Istituto tecnico. Il 15,1% delle nuove iscritte e dei nuovi iscritti ha scelto un Istituto professionale.
 

Licei ancora in crescita. Confermato il trend di crescita dei Licei, scelti dal 54,6% delle alunne e degli alunni. Erano il 53,1% nel 2016/2017. A partire dal 2014/2015, i Licei sono stati sempre scelti da oltre uno studente su due. Aumentano gli iscritti al Classico: sono il 6,6% a fronte del 6,1% dell'anno scorso. Lo Scientifico (fra indirizzo "tradizionale", opzione Scienze Applicate e sezione Sportiva) resta in testa alle preferenze: è scelto dal 25,1% delle studentesse e degli studenti (erano il 24,5% lo scorso anno). L'opzione Scienze Applicate, in particolare, sale al 7,8% rispetto al 7,6% del 2016/2017. Stabile l'indirizzo scientifico "tradizionale": 15,6% delle scelte, erano il 15,5% nel 2016/2017. Così come l'indirizzo scientifico, sezione Sportiva, scelto dall'1,6% dei ragazzi contro 1,4% di un anno fa.

Pressoché stabili le preferenze per il Liceo linguistico (che conferma il 9,2%), per il Liceo artistico (4,2% per il 2017/2018, 4,1% l'anno precedente), per il Liceo europeo/internazionale (che conferma lo 0,7%) e per quello delle Scienze umane (al 7,9% rispetto al precedente 7,6%). Licei musicali e coreutici ancora a quota 0,9%: l'indirizzo Musicale sempre allo 0,8%, Coreutico sempre allo 0,1%.

Tengono i Tecnici, in flessione i Professionali. Stabili nelle preferenze gli indirizzi Tecnici con il 30,3% (30,4% nel 2016/2017). Il settore Economico registra l'11,2% delle iscrizioni (11,4% lo scorso anno); quello Tecnologico, con i suoi indirizzi, continua ad attrarre maggiormente, confermando il 19% delle scelte. In flessione, gli Istituti professionali dal 16,5% di un anno fa al 15,1% di oggi. In particolare, il settore dei Servizi scende al 9,6% dal 10,5% del 2016/2017. Dal 3,9% dello scorso anno, oggi sceglie un percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), presso gli Istituti professionali, il 3,5% dei neo iscritti. Stabile il settore Industria e Artigianato, che passa dal 2,1% al 2% di oggi.

Confermati primi Lazio nei Licei e Veneto nei Tecnici. Il Lazio si conferma la regione con la maggiore percentuale di iscritti ai Licei, con il 66,8%. Seguono Abruzzo (60,8%); Umbria (58,8%); Campania (58,3%); Liguria (58%). Il Veneto si conferma la regione con meno ragazzi che scelgono gli indirizzi liceali (45,9%) e la prima nella scelta dei Tecnici (38,5%). Nei Tecnici seguono Friuli Venezia Giulia (37,5%) ed Emilia Romagna (35,8%). Gli Istituti professionali sono ancora primi nelle scelte dei ragazzi della Basilicata (19,3%), seguiti da Campania (17,5%) e Puglia (17,3%). Secondo i dati del Miur, il 69% delle famiglie ha fatto domanda da casa, in autonomia. Il 31% ha chiesto supporto alle scuole.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Bari, uomo si barrica in casa con il fucile: bloccato

A Palo del Colle. Con lui c'era anche la zia, che è riuscita a scappare

Sanremo 2015 - Quarta serata

Padova, laurea in Scienze per Sammy Basso, affetto da invecchiamento precoce

Il ragazzo di 22 anni è il volto di diverse iniziative a favore della ricerca su questa rara malattia, la progeria. In Italia ci sono 5 casi

Trapani, cominciato lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti

Sbarchi, la Spagna supera l'Italia, ma il primato dei morti resta nostro

I dati dell'Oim mostrano un crollo complessivo degli arrivi e una forte redistribuzione a favore di Spagna e Grecia

Roma, XI Convegno in ricordo di Marco Biagi

Dl dignità, Cazzola: "Nessuna manina, tutto già nel testo. È autorete Di Maio"

Il giuslavorista ed ex parlamentare del Pdl sul sospetto sollevato da Di Maio che nell'Inps qualcuno avesse cambiato le previsioni sulle perdite dei posti di lavoro (passate da 8mila a 80mila nella relazione tecnica)